Bussola

Regime forfettario

Sommario

Inquadramento | Il regime forfettario: caratteristiche | Ambito soggettivo | Preclusioni | Reddito - Ricavi e/o compensi | Determinazione del reddito e applicazione imposta sostitutiva | Adempimenti contabili e IVA | Semplificazioni | Cessazione del regime forfettario | Agevolazioni contributive | Passaggi dai regimi contabili | Riferimenti |

 

  Nel 2019 il regime forfettario (ex  art. 1, co. 9-11, l. n. 145/2018) è esteso ai contribuenti con ricavi o compensi fino a 65.000 euro. Potrà, quindi, continuare ad applicare il forfettario anche chi lo scorso anno ha superato il limite di reddito previsto in riferimento alla sua categoria ATECO di appartenenza. La legge di bilancio riduce anche le restrizioni per l'accesso con riferimento alla possibilità di avere collaboratori e per quel che riguarda l'ammontare dei beni strumentali acquistati. Viene eliminato anche il divieto per chi ha lavoro dipendente e per i pensionati di usufruire del regime forfettario in caso di redditi superiori ai 30.000 euro l'anno precedente, a patto che non emettano fatture solo nei confronti dei datori di lavoro (attuali o ex datori di lavoro).   Con la legge finanziaria vengono eliminate le altre condizioni per l'accesso al regime previste dalla previgente normativa quali: aver sostenuto spese per lavoro dipendente; costo complessivo, al lordo degli ammortamenti, di beni mobili strumentali al 31.12 non superiore a 20 mila Euro.   La Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 9/E del 10 aprile 2019 dà le opportune indicazioni per identificare le cause ostative all’accesso al regime agevolato.

Leggi dopo