Bussola

Ruling internazionale

02 Ottobre 2017 |

Sommario

Inquadramento | Il nuovo articolo di riferimento e ambito oggettivo | Ambito soggettivo del ruling | Presentazione e requisiti dell’istanza | Durata degli accordi | Verifica e violazione dell’accordo | Adempimento collaborativo e ruling internazionale | Riferimenti |

 

  Il ruling internazionale è un istituto volto a garantire trasparenza e certezza nei rapporti tra Fisco e contribuente in caso di operazioni transnazionali, riducendo il rischio di doppia imposizione internazionale e di soccombenza in contenzioso su controversie non chiaramente disciplinate. La procedura si concretizza nella sottoscrizione di un accordo che regola in maniera chiara e precisa, in accordo o meno con la soluzione proposta, quanto prospettato dalla parte nell’istanza introduttiva.
La procedura di ruling viene avviata infatti tramite presentazione volontaria di un’istanza all’Agenzia delle Entrate che, verificati i presupposti di ammissibilità, fornirà il suo parere sulla soluzione proposta dal contribuente.
Da parte sua, il contribuente può scegliere di uniformarsi a tale parere o meno, consapevole quindi di poter incorrere in eventuali sanzioni in caso di accertamento. Con l’approvazione del D.Lgs. 147/2015 l’istituto del ruling internazionale ha subito una importante modifica: il vecchio articolo di riferimento della procedura, vale a dire l'articolo 8 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla Legge 24 novembre 2003, n. 326, è stato infatti abrogato dall’Art. 1 c. 1 del recente decreto.
Il nuovo testo di ri...

Leggi dopo