Bussola

Società tra professionisti

27 Marzo 2014 |

Sommario

Principali caratteristiche | Iscrizione nel registro delle imprese | Trasparenza con il cliente | Regime disciplinare | Forma societaria | Riferimenti |

 

Dal 21 aprile, data di entrata in vigore del Decreto del Ministero della Giustizia n. 34 dell’8 febbraio 2013, si potrà dare vita alle nuove Stp, per l’esercizio associato delle attività professionali governate attraverso gli Ordini, così come previsto dall'art. 10 della L. 183/2011. La Società tra professionisti deve prevedere “l’esercizio in via esclusiva dell’attività professionale da parte dei soci”, ammettendo professionisti iscritti agli Albi, anche in differenti sezioni, ad accezione dei notai (che esercitano funzioni pubbliche) e degli avvocati, i cittadini Ue “purché in possesso del titolo di studio abilitante”, non professionisti “soltanto per prestazioni  tecniche o per finalità di investimento”. Non può partecipare come socio a una Stp la persona fisica o la società i cui amministratori:
a) non abbiano i requisiti di onorabilità previsti per l’iscrizione all’Albo professionale cui la Stp è iscritta (non hanno comunque i requisiti di onorabilità chi abbia subito l’applicazione, anche in primo grado, di misure di prevenzione personali o reali);
b) abbiano riportato condanne definitive per una pena pari o superiore a due anni di reclusione per un reato non colposo (salvo che non sia intervenuta riabilitazione);
c) siano stati cancellati da un Albo profe...

Leggi dopo