Bussola

Spese di ospitalità

Sommario

Introduzione | Casi a confronto | Società specializzate nell’organizzazione di fiere ed eventi | Imprenditore individuale, trasferte per la partecipazione a fiere | Obblighi documentali | Trattamento ai fini dell’imposta sul valore aggiunto | Trattamento Fiscale e Contabile | Riferimenti |

 

Ai sensi del comma 5 del Decreto Ministeriale del 19 novembre 2008 non costituiscono spese di rappre-sentanza, e quindi non vanno considerate ai fini della determinazione del plafond di deducibilità di cui al comma 2 dell’articolo 1 del medesimo decreto, le spese di cui alla tabella che segue. Spese di viaggio, vitto e alloggio sostenute a per ospitare clienti, anche potenziali, in occasione di mostre, fiere, esposizioni ed eventi simili in cui sono esposti i beni e i servizi prodotti o in occasione di visite a sedi, stabilimenti o unità produttive dell’impresa. Per le imprese la cui attività consiste nell’organizzazione di manifestazioni fieristiche ed eventi simili: le spese di viaggio, vitto e alloggio sostenute a per ospitare clienti, anche potenziali, sostenute nel’ambito di iniziative finalizzate alla promozione di specifiche manifestazioni espositive o altri eventi simili. Per l’imprenditore individuale: le spese di viaggio, vitto e alloggio sostenute in occasione di trasferte per la partecipazione ad mostre fiere ed eventi in cui sono esposti i beni e i servizi dell’impresa.   Definizione di “cliente” e “cliente potenziale”
Ai sensi del comma 5 del decreto sopra citato, come chiarito dalla circolare 34/E del 13 luglio 2009, sono da considerare clienti, tutti...

Leggi dopo