Bussola

Tassazione rendite finanziarie

08 Aprile 2016 |
Visualizzazione ZEN

Sommario

Inquadramento | Le tipologie di rendite finanziarie | I soggetti interessati dalla tassazione delle rendite finanziarie | La determinazione dell’imponibile | L’evoluzione della tassazione delle rendite finanziarie | L’attuale tassazione delle rendite finanziarie | Gli obblighi dichiarativi | Riferimenti |

 

La tassazione delle rendite finanziarie è un elemento che, insieme ad altri, incide e spiega più approfonditamente le attività di investimento del risparmiatore e delle imprese. La scelta della migliore allocazione possibile del risparmio, infatti, passa (necessariamente) attraverso la conoscenza della fiscalità che grava sulle varie alternative d’impiego del patrimonio e del reddito di ciascun soggetto economico. Una rendita finanziaria è una “successione” di importi, chiamate rate, da riscuotere (o da pagare) in epoche differenti, chiamate scadenze, ad intervalli di tempo determinati.   Una rendita (S) è quindi individuata da 3 elementi:   Rk: rata da riscuotere (o da pagare) alla scadenza tk; tk: scadenza, cioè il momento all'interno del k-esimo intervallo in cui viene riscossa (o pagata) la rata Rk; n: numero di rate totali.   Perciò S = (Rk, tk), con k = 0, 1, 2, … , n   Le rendite possono essere rappresentate, a titolo di esempio, da azioni o titoli di Stato, depositi di conto corrente, Bot, obbligazioni, mutui e anche semplici impieghi di capitali diversi però dall’acquisto di partecipazioni al capitale di rischio di imprese. Il 1° luglio 2014 è entrato in vigore il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie previsto dal D.L. 66/2014, convertito dalla Legge 2...

Leggi dopo