Homepage

La Bussola LA BUSSOLA

AIRE

10 Ottobre 2018 | di Pierpaolo Ceroli

I cittadini Italiani che risiedono all’estero per un periodo superiore ai dodici mesi possono/devono richiedere l’iscrizione all’AIRE ovvero l’anagrafe degli Italiani residenti all’estero. L’iscrizione da parte del soggetto che si trasferisce all’estero è legata ad una serie di previsioni restrittive sia legate al tipo di occupazione che si andrà a svolgere nello stato estero sia alla durata della permanenza. Il soggetto che ottiene l’iscrizione dovrà comunque aggiornare le informazioni comunicate al momento dell’avvenuta iscrizione qualora si modifichi qualunque dei suoi dati personali forniti come, ad esempio, dati in riferimento all’indirizzo di residenza, stato civile, qualifiche professionali o titolo di studio. Prima di richiedere l’iscrizione all’ AIRE è inoltre necessario valutare anche le disposizioni “restrittive” inserite dalla normativa in particolar modo, quelle previste per i soggetti che richiedono l’iscrizione in un paese a fiscalità privilegiata. In riferimento alla residenza fiscale, infatti, ai sensi dell’art. 2 del D.P.R. 22 dicembre 1986 n. 917, sono considerati soggetti passivi sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) i soggetti “per la maggior parte” del periodo di imposta (183 o 184 giorni se l’anno è bisestile): - non risultino iscritti nelle anagrafi dei soggetti residenti; - non abbiano il domicilio o la residenza nel territorio dello Stato. Tuttavia, se l’iscrizione all’A.I.R.E. è richiesta in riferimento a paesi con fiscalità privilegiata, l’Amministrazione Finanziaria ha il potere di iniziare l’attività di accertamento al fine di riconoscere fiscalmente residente in Italia il soggetto che comunque abbia ottenuto l’iscrizione all’anagrafe degli italiani residenti all’estero. Questi soggetti saranno quindi chiamati a fornire le prove del reale e permanente trasferimento nello Stato Estero al fine di poter testimoniare l’assenza di legami sia di interessi personali che lavorativi. A seguito della riapertura dei termini per la Voluntary disclosure prevista dal D.L. n. 193 del 22 ottobre 2016, convertito con modificazioni dalla legge n. 225/2016, in vigore dal 3 dicembre, sono stati previsti maggiori controlli nei confronti delle persone fisiche iscritte all’AIRE.

Leggi dopo
La Bussola LA BUSSOLA

Fondi per rischi ed oneri

10 Ottobre 2018 | di Stefano Lapponi

I fondi per rischi ed oneri sono costituiti da accantonamenti destinati alla copertura di perdite o debiti, aventi natura determinata ed esistenza certa, o probabile, dei quali alla chiusura dell’esercizio risultano indeterminati l’ammontare o la data di manifestazione. Le novità apportate al bilancio di esercizio dall’emanazione del decreto legislativo 139/2015 hanno richiesto la rivisitazione dell’OIC 31 in tema di fondi per rischi ed oneri e trattamento di fine rapporto.

Leggi dopo
Focus Focus

La residenza fiscale nell'ambito delle convenzioni internazionali contro le doppie imposizioni

09 Ottobre 2018 | di Eugenio Condoleo

AIRE

L’art. 2, comma II, del TUIR considera residente nel nostro Paese la persona fisica che risieda in esso, nell’anno solare, per un periodo di almeno 183 giorni (negli anni bisestili 184) ancorché non continuativi. La norma delimita tale assunto ponendo una presunzione legale assoluta che trova la sua verifica allorché venga compiutamente dimostrata la sussistenza di almeno uno dei seguenti elementi: a) Soggetto iscritto nell’anagrafe della popolazione residente nell’ambito della maggior parte del periodo d’imposta; b) Soggetto non iscritto nell’anagrafe che ha comunque stabilito un domicilio nello Stato inteso come luogo e sede principale dei suoi affari oltreché sede dei suoi interessi familiari; c) Soggetto non iscritto nell’anagrafe che comunque dimori nel territorio dello Stato oltre i canonici 183 giorni. Il requisito temporale condiziona l’applicabilità dei tre criteri e genera quella che abbiamo definito la “presunzione legale assoluta”: scatta allorché venga dimostrata la sussistenza di almeno uno dei tre elementi citati per la maggior parte del periodo di imposta.

Leggi dopo
Quesiti Operativi Quesiti Operativi

Responsabilità del liquidatore

09 Ottobre 2018

Liquidazione d'azienda

Un liquidatore di società riceve la comunicazione di presa in carico da parte dell'esattore con cui sono richiesti tributi, sanzioni ed interessi afferenti la responsabilità del liquidatore di cui all'art. 36, D.P.R. n. 602/1973. Si evidenzia che mai nessun atto impositivo era stato notificato al liquidatore per attivare la predetta responsabilità. È impugnabile la predetta comunicazione di presa in carico?

Leggi dopo
News News

Spesometro, nuovi alert nel Cassetto fiscale

09 Ottobre 2018 | di La Redazione

Agenzia delle Entrate, Provvedimento 8 ottobre 2018, n. 237975.pdf

Spesometro

Pubblicato ieri il Provvedimento che dispone l’invio delle nuove comunicazioni: nel mirino le differenze tra il volume d’affari dichiarato e l’importo delle operazioni comunicate.

Leggi dopo
News News

Dogane: novità per garanzie, rimborsi e sgravi

09 Ottobre 2018 | di La Redazione

Agenzia delle Dogane, Comunicato 01 ottobre 2018.pdf

Regimi doganali

Una recente nota dell’Agenzia illustra le modifiche introdotte da due Regolamenti delegati della Commissione Europea.

Leggi dopo
News News

Buoni pasto tramite App Mobile, vecchie regole

09 Ottobre 2018 | di La Redazione

Agenzia delle Entrate, Principio di diritto 8 ottobre 2018, n. 3.pdf

Buoni pasto

Il servizio reso tramite l’applicazione per smartphone seguirà il medesimo trattamento fiscale del sistema buoni pasto. Così hanno precisato dall’Agenzia delle Entrate.

Leggi dopo
News News

Sempre meno cambiali e assegni scoperti in tutta Italia

09 Ottobre 2018 | di La Redazione

Unioncamere, Comunicato Stampa 8 ottobre 2018.pdf

Assegno bancario

Una ricerca condotta da UnionCamere e da InfoCamere rivela che nel corso del 2017 sono stati protestati quasi 513 mila effetti, tra assegni e cambiali; una diminuzione del 37% rispetto a due anni fa.

Leggi dopo
News News

Operazione abusiva se al conferimento segue subito una scissione

09 Ottobre 2018 | di La Redazione

Agenzia delle Entrate, Risposta 08 ottobre 2018, n. 30.pdf

Partecipazioni

Secondo l’Agenzia delle Entrate, che si è espressa con la Risposta n. 30, l’operazione sottoposta con un interpello da una società rappresentava un numero superfluo di negozi giuridici, non coerenti con le logiche di mercato.

Leggi dopo
News News

Chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sul regime tributario vendor loan

09 Ottobre 2018 | di La Redazione

Agenzia delle Entrate, Risposta 08 ottobre 2018, n. 29.pdf

Holding

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 29, fornisce alcuni chiarimenti in merito al corretto trattamento fiscale delle perdite subite su un contratto di vendor loan.

Leggi dopo

Pagine