Rassegna stampa

Compensazioni pure nel 2017

22 Agosto 2017

Italia Oggi – Imposte e Tasse, La Redazione, pag. 25

Confermato anche per il 2017 la possibilità per imprese e professionisti che vantano crediti nei confronti della pubblica amministrazione di compensarli con le cartelle esattoriali. A prevederlo è il decreto 9 agosto 2017 del ministero dell'economia recante «Compensazione, nell'anno 2017, delle cartelle di pagamento in favore di imprese e professionisti titolari di crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, nei confronti della pubblica amministrazione», pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 194 di ieri. Il provvedimento, che il 26 luglio scorso era stato annunciato dal ministro dell'economia Pier Carlo Padoan, estende all'anno in corso le disposizioni previste dal D.M. 24 settembre 2014, recante «Compensazione, nell'anno 2014, delle cartelle esattoriali in favore di imprese e professionisti titolari di crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, nei confronti della pubblica amministrazione».

La buona fede mette in salvo

22 Agosto 2017

Italia Oggi – Imposte e Tasse, Franco Ricca, pag. 24

Secondo quanto chiarito dalla Corte di Giustizia, il contribuente che agisce in buona fede e con diligenza non risponde delle irregolarità commesse dal fornitore: se la fattura ricevuta indica che l'operazione è stata assoggettata al regime Iva del margine, l'acquirente può applicare alla successiva rivendita dei beni tale regime particolare, anche se da un controllo emerge che il fornitore, in realtà, non lo aveva applicato. Questo regime è applicabile anche alle vendite di pezzi di ricambio prelevati dai veicoli demoliti ceduti da privati. I chiarimenti sono stati forniti recentemente in relazione a due differenti questioni concernenti il particolare regime previsto per le cessioni di beni d'occasione. Nella terza sentenza ricordata oggi, la Corte (in attesa che si concretizzi l'iniziativa legislativa proposta della Commissione) ribadisce che la direttiva Iva, attualmente, non consente di assoggettare ad aliquota Iva ridotta i prodotti elettronici immateriali commercializzati via web.

Fisco, i comuni segnalano meno

22 Agosto 2017

Italia Oggi - Diritto e Fisco, Eden Uboldi, pag. 22

Negli ultimi cinque anni, dal 2012 al 2016, sono crollati del 66,5% gli accertamenti effettuati dall'Agenzia delle entrate a seguito delle segnalazioni degli enti locali. È quanto emerge dal Giudizio di parificazione sul rendiconto dello stato per l'esercizio finanziario 2016, redatto dalla Corte dei conti e presentato al Parlamento. Nel 2012 l'Agenzia dell'entrate ha realizzato 3.455 accertamenti grazie agli input arrivati dagli enti locali a seguito di verifiche e controlli per attività locali; nel 2016 si è arrivati ad appena 1.156. La ragione? La difficoltà da parte degli enti di dedicare personale a questa attività e l'assenza di incentivi al personale stesso. Il D.L. n. 203/2005 ha introdotto nell'ordinamento tributario la partecipazione incentivata dei comuni all'accertamento dei tributi erariali con il riconoscimento di una quota pari al 30% delle maggiori somme relative a tributi statali riscosse a titolo definitivo. La percentuale è stata poi elevata prima al 50% col D.Lgs. n. 23/2011 e poi al 100% dal D.L. n. 138/2011.

Con il «Maat» più armi al Fisco

22 Agosto 2017

Il Sole 24 ore – Norme e Tributi, Alessandro Galimberti - Valerio Vallefuoco, pag. 17

Retroattività degli accertamenti fino a tre anni precedenti l’entrata in vigore degli accordi, riscossione diretta all’estero dell’imposta evasa e anche a carico degli eredi.
In attesa dei primi effetti dello scambio automatico di informazioni (non prima del 2018), la strategia della lotta all’evasione internazionale potrebbe passare attraverso uno strumento ancora più incisivo: la Convenzione multilaterale sull’assistenza amministrativa (Maat). In una platea di 112 Stati - dal più piccolo paradiso alle piazze storiche, Svizzera, Monaco e Liechtenstein inclusi, ma ancora fuori gli Usa - valgono infatti oggi le regole molto elastiche del Maat, che disciplinano l’ “ingaggio” e il funzionamento degli strumenti principali per la lotta all’evasione.

In nota integrativa le voci irripetibili

22 Agosto 2017

Il Sole 24 ore – Norme e Tributi, Franco Roscini Vitali, pag. 16 

Il D.Lgs. 139/15, recepisce quanto dispone la direttiva 34/13, che vieta di includere nel conto economico la sezione straordinaria, senza alcuna possibile diversa interpretazione o comportamento da parte degli Stati membri, modificando quindi l’art. 2425 del c.c. 
L’eliminazione della sezione straordinaria del conto economico comporta alcune conseguenze e impone di cambiare abitudini che si erano consolidate nel tempo. Questa novità, operativa dai bilanci 2016, impone il “trasloco” di alcuni accadimenti nella gestione operativa del conto economico: il principio contabile OIC 12, relativo agli schemi di bilancio, precisa che proventi e oneri che in precedenza erano classificati come “straordinari”, a partire dai bilanci 2016, sono iscritti nel conto economico in base alla loro natura.

Liti solo contro Equitalia non sanabili

22 Agosto 2017

Il Sole 24 ore – Norme e Tributi, Luigi Lovecchio, pag. 15 

Non si possono definire le liti proposte contro l’agente della riscossione, salvo che non vi sia già stato l’intervento delle Entrate. La Circolare n. 22 dell’Agenzia conferma la linea dura nella interpretazione della disciplina di cui all’art. 11 del D.L. 50/2017. 
Ai sensi dell’art. 11 rientrano nella definizione agevolata le liti tributarie di cui è parte l’agenzia delle Entrate. Si tratta di una precisa limitazione soggettiva dell’ambito di applicazione della norma che ha posto da subito agli operatori il problema della sanatoria dei ricorsi proposti avverso il solo agente della riscossione.
Con orientamento consolidato, la Corte di cassazione ha affermato che nelle controversie in cui il contribuente eccepisce motivi che attengono all’an o al quantum del credito erariale la legittimazione passiva dell’agenzia delle Entrate (l’ente creditore) non può mai essere negata (si vedano le Sezioni unite n. 16412/07). 

Pagine