Rassegna stampa

Al via il do ut des fiscale

14 Dicembre 2017

Italia Oggi – Imposte e Tasse, Cristina Bartelli, pag. 26

Secondo quanto annunciato ieri a Roma, dal direttore dell'Agenzia delle entrate Ernesto Maria Ruffini, intervenuto al convegno di Rete imprese Italia, l'associazione delle piccole e medie imprese, il fisco scriverà ai contribuenti per spiegare loro come ha utilizzato o utilizzerà le somme di cui chiede conto. Una lettera dell'agenzia delle entrate, dunque, accompagnerà le richieste di versamento; dal modello F24 alle lettere di compliance, da quelle sui controlli automatizzati agli accertamenti. Ognuna di queste comunicazioni avrà una postilla in cui si suddividerà la cifra richiesta nelle diverse voci di spese dello stato che l'incasso andrà ad alimentare. «Dall'anno prossimo», ha anticipato Ruffini, «manderemo una lettera ai contribuenti per far sapere loro come le imposte pagate sono state spese dallo stato: hai pagato 10 mila euro, bene, lo stato li ha spesi in questo modo».

Registrazioni IVA, sprint finale

14 Dicembre 2017

Italia Oggi – Imposte e Tasse, Tania Stefanutto, pag. 27

Corsa contro il tempo dei contribuenti per effettuare le registrazioni IVA di fine anno. Questo l’effetto delle modifiche introdotte dal D.L. n. 50/2017 (Legge n. 96/2017) al termine di detrazione dell'Iva e di registrazione delle fatture di acquisto. L'art. 19 D.P.R. 633/1972, oggi in vigore, testualmente recita «il diritto alla detrazione è esercitato al più tardi con la dichiarazione relativa all'anno in cui il diritto alla detrazione è sorto». Ad esso si aggiunga il contenuto del novellato art. 25 del medesimo decreto in tema di registrazione delle fatture di acquisto: «deve annotarle in apposito registro anteriormente alla liquidazione periodica nella quale è esercitato il diritto alla detrazione della relativa imposta e comunque entro il termine di presentazione della dichiarazione annuale relativa all'anno di ricezione della fattura e con riferimento al medesimo anno». Dalla lettura combinata delle norme emerge che la registrazione non è legata all'anno di emissione, bensì di ricezione della fattura, mentre la detrazione resta legata al momento in cui sorge il diritto alla detrazione.

Accantonamenti iscritti per natura

14 Dicembre 2017

Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi, Luca Miele, pag. 30

Gli accantonamenti a fondi rischi e oneri vanno classificati, nel conto economico, insieme agli altri componenti di reddito aventi la medesima natura. In particolare, già la versione del 2014 dell'OIC 31 affermava che gli accantonamenti a fondi inerenti l'attività caratteristica o accessoria dell'impresa andavano classificati nella macro-classe B dello schema di conto economico ex articolo 2425 Codice civile, nelle voci a cui si riferiscono, se si trattava di fondi specifici. Tale concetto è stato ulteriormente chiarito nella versione 2016 dell'OIC 31. Infatti, in base al paragrafo 19 del principio gli accantonamenti ai fondi rischi e oneri sono iscritti prioritariamente nelle voci di costo di conto economico delle pertinenti classi (B, C o D), dovendo prevalere il criterio della classificazione “per natura” dei costi. 

Premi arretrati a tassazione separata

14 Dicembre 2017

Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi, Marco Strafile, pag. 33

Nella Risoluzione n. 151/E di ieri, le Entrate affrontano un caso riguardante l’applicabilità della tassazione separata su arretrati di lavoro dipendente. L’Agenzia ricorda come le situazioni che possono assumere rilievo per applicare il richiamato regime fiscale, sono di due tipi:
«quelle di carattere giuridico che consistono nel sopraggiungere di norme legislative, di sentenze o di provvedimenti amministrativi, ai quali è estranea l’ipotesi di un accordo tra le parti in ordine ad un rinvio del tutto strumentale nel pagamento delle somme spettanti»; «quelle consistenti in oggettive situazioni di fatto, che impediscono il pagamento delle somme riconosciute come spettanti, entro i limiti di tempo ordinariamente adottati dalla generalità dei sostituti d’imposta». 

Possibile tenere e-registri sempre stampabili su carta

14 Dicembre 2017

Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi, Alessandro Mastromatteo - Benedetto Santacroce, pag. 31

Con la disposizione, introdotta con la Legge n. 172/2017 di conversione del D.L. n. 148/2017 è ora possibile formare e aggiornare elettronicamente i registri IVA senza stamparli su carta se non dietro richiesta dei verificatori: considera infatti regolari tali registri anche in difetto di trascrizione su carta nei tempi previsti e cioè entro il terzo mese successivo alla presentazione della dichiarazione reddituale. È stato aggiunto il comma 4-quater all'art. 7 del D.L. n. 357/1994, ponendo una duplice condizione per la regolarità della tenuta. In sede di accertamento, ispezione o verifica tali registri devono infatti risultare aggiornati sui sistemi elettronici. Inoltre si deve potere procedere alla loro stampa a seguito di richiesta avanzata dagli organi procedenti ed in loro presenza.  

APE social con platea allargata

14 Dicembre 2017

Italia Oggi – Diritto e Fisco, Francesco Cerisano, pag. 24

Altre 4 categorie si aggiungono alle 11 che già beneficiano dell’Ape social. Saranno 15 le categorie di lavori gravosi che potranno accedere all'anticipo pensionistico a carico dello stato. Le 11 che già beneficiavano del trattamento di favore ai sensi della legge di bilancio 2017 (operai dell'industria estrattiva e dell'edilizia; conduttori di gru e macchinari per la perforazione nelle costruzioni; conciatori di pelli; conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante; conduttori di mezzi pesanti e camion; professioni sanitarie infermieristiche con lavoro organizzato in turni; addetti all'assistenza di persone in condizioni di non autosufficienza; insegnanti della scuola dell'infanzia; facchini; personale non qualificato addetto a servizi di pulizia; operatori ecologici) a cui vanno ad aggiungersi le altre 4 categorie (braccianti agricoli, pescatori, marittimi e lavoratori del settore siderurgico) per le quali al senato era stato già previsto lo stop all'adeguamento dell'età pensionabile.

Pagine