Rassegna stampa

Lo scudo batte il redditometro

11 Settembre 2012

l Sole 24 ore Norme e Tributi, Antonio Iorio, pag. 17

Dalle prime pronunce di merito sul rapporto tra redditometro e scudo fiscale risulta che quest'ultimo sana tutti i maggiori imponibili contestati dall'Amministrazione, a prescindere dal tipo di accertamento praticato dall'Ufficio.
Quindi le violazioni da redditometro non possono essere contestate al contribuente che ha aderito al rimpatrio o alla regolarizzazione delle disponibilità estere.
L’autore fa riferimento alla Circolare 43/E/2009 nella quale si precisa che la preclusione opera automaticamente, senza necessità di prova specifica da parte del contribuente, in tutti i casi in cui sia possibile, anche astrattamente, ricondurre gli imponibili accertati alle somme o alle attività costituite all'estero oggetto di rimpatrio. Ne consegue che, l'effetto preclusivo dell'accertamento può essere opposto, ad esempio, nel caso di contestazioni basate su ricavi e compensi occultati.

Locazioni, opzione lunga

11 Settembre 2012

Il Sole 24 ore Norme e Tributi, Giampaolo Giuliani, pag. 18

L'utilizzo più esteso dell'opzione esercitata nel contratto di locazione di fabbricati consente oggi di applicare il regime dell'imponibilità (invece dell'esenzione) a un maggiore numero di situazioni, ma allo stesso tempo determina numerosi interrogativi.
Uno di questi riguarda come e soprattutto quando effettuare l'opzione per i contratti in corso al 26 giugno.
In merito al come esercitare l'opzione, l’autore fa riferimento alle indicazioni della risoluzione 2/E/2008, nella quale si afferma che in caso di subentro in un contratto di locazione di un immobile a seguito di acquisto, l'opzione per l'imponibilità Iva dei relativi canoni può essere esercitata dal locatore mediante l'invio di una raccomandata con avviso di ricevimento all'ufficio dell'Agenzia delle Entrate competente.
Risulta invece più difficile rispondere al quesito su quando effettuare l'opzione.

«Studi» alla partita finale

11 Settembre 2012

Il Sole 24 ore Norme e Tributi, Sergio Pellegrino e Giovanni Valcarenghi, pag. 19

Chi non è in linea nel confronto fra situazione reale e «modello» ha ancora la possibilità di mettersi in regola con il ravvedimento operoso.
L'impressione che si afferma tra gli operatori è così quella degli Studi di settore come un cantiere aperto.
Ancora lo scorso 5 settembre, infatti, è stata varata la versione 1.0.4 di Gerico che interviene direttamente su due modelli: quello degli studi legalie quello dei distributori di carburante.
Si tratta certamente di ritocchi specifici e che interessano una platea limitata di contribuenti, ma l'approccio utilizzato genera la sensazione complessiva di una sostanziale approssimazione nella gestione del software.

Decreto 231, sequestro solo con gravi indizi

11 Settembre 2012

Il Sole 24 ore Norme e Tributi, Marco Bellinazzo, pag. 19

Con la sentenza 34505, depositata ieri, la sesta sezione penale della corte di Cassazione ha stabilito che il sequestro previsto dal decreto legislativo 231 del 2001 (articolo 53) può essere disposto solo in presenza di gravi indizi a carico dell'ente per il quale si intende far scattare la responsabilità amministrativa.

Srl semplificata, riserva dei notai

11 Settembre 2012

Italia Oggi Diritto & Fisco, Carlo Alberto Busi, pag. 21

Dai registri delle imprese arrivano le prime indicazioni sulle novità in vigore dal 29 agosto: in particolare risulta che i commercialisti non sono autorizzati a effettuare la cessione di quote della Srls (che prevede agevolazioni di spesa limitate al solo momento di start up dell'impresa per gli under 35) in seguito alla riserva di competenze al notaio per l'accertamento dei requisiti anagrafici.
Questo quanto emerge dalle prime posizioni interpretative assunte dalle camere di commercio che gestiscono i registri delle imprese.

Processo civile, da oggi scatta il filtro sull’appello

11 Settembre 2012

Italia Oggi Giustizia e Società, Antonio Ciccia, pag. 22

Da oggi, nel processo civile, il giudice ammetterà l'appello solo in presenza di ragioni molto forti. Altrimenti si andrà direttamente in Cassazione.
Scattano infatti, proprio da oggi alcuni pezzi importanti del Decreto Sviluppo.
Nello specifico, oltre al filtro sull'appello nei processi civili, inizierà anche il nuovo indennizzo per i processi lumaca, con risarcimento calmierato, calendario del processo ragionevole e giudizio monocratico, salvo opposizione al collegio.
La terza riforma ai nastri di partenza è poi il concordato con continuità aziendale.

Pagine