Rassegna stampa

Chi rottama può compensare

20 Settembre 2017

Italia Oggi – Diritto e Fisco, Claudia Marinozzi, pag. 27

Secondo quanto indicato nelle istruzioni inviate da Agenzia delle entrate-Riscossione agli uffici lo scorso 18 settembre, sono compensabili, su invito dell’ente, gli importi dovuti per la rottamazione delle cartelle; il pagamento è posticipato al 30 settembre per il pagamento della prima rata in caso di rielaborazione delle comunicazioni di definizione agevolata che sono state notificate con degli errori. Nelle scorse ore infatti sono state spedite le ultime comunicazioni recanti gli importi dovuti per la rottamazione che sono state riemesse a causa di errori presenti nelle originarie missive. Per far fronte a tali errori, Agenzia delle entrate-Riscossione ha riemesso nuove comunicazioni modificative/integrative di quelle originariamente inviate, le quali, nella forma, saranno identiche alle precedenti ma che recheranno quale data di scadenza della prima rata il 30 settembre 2017. 

Sullo spesometro professionisti in crisi di nervi

20 Settembre 2017

Italia Oggi – Diritto e Fisco, Cristina Bartelli, pag. 27

«Sto cercando di inviare lo spesometro ma non mi rilascia le ricevute, voi ci riuscite?». È questo il messaggio fotocopia condiviso da tantissimi professionisti ieri sui social network. A meno di otto giorni dalla scadenza dell'invio di dati e fatture all'Agenzia delle entrate, sale il nervosismo di commercialisti e consulenti del lavoro per un adempimento vissuto come un inutile onere. Al danno si aggiunge la beffa: l'Agenzia delle entrate non riscontra problemi nel sistema. Anche se domani i consulenti del lavoro (che lunedì hanno diffuso una nota con i problemi riscontrati) incontreranno Paolo Savini, responsabile per le Entrate dei servizi ai contribuenti. Agli uomini di Cristoforo Colombo i rappresentanti della categoria guidata da Marina Calderone porteranno le stampe delle schermate dei pc dei colleghi con i segnali di errore evidenziati dai software. 

Il regime per cassa corretto

20 Settembre 2017

Italia Oggi – Giustizia e Società, Cristina Bartelli, pag. 29

Durante l'incontro di ieri al ministero dell'economia con il viceministro, Luigi Casero e il direttore dell'Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini e i sindacati dei commercialisti sono state anticipate alcune delle novità della Legge di Bilancio 2018: le correzioni al regime per cassa; gli aggiustamenti al riporto delle perdite, disciplina che non pochi problemi sta creando alle imprese dall'approvazione delle nuove norme un anno fa, saranno imbarcati nel decreto collegato alla legge di bilancio in corso di preparazione. Nella stessa legge potrà trovare spazio anche la riscrittura del calendario fiscale, mentre gli studi di settore saranno mantenuti in vita ancora per tutto il 2017 per lasciare il passo agli indicatori di affidabilità economica a partire dal 2018. Confermato un avvio graduale della fatturazione elettronica tra privati, con la facoltatività mantenuta per il 2018. Tolleranza infine per gli invii da spesometro fuori tempo massimo, per cui l'amministrazione sta ragionando di non applicare sanzioni. 

Costi esagerati senza rettifica IVA

20 Settembre 2017

Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi, Laura Ambrosi - Antonio Iorio, pag. 21

La congruità dei costi e dei ricavi esposti nel bilancio e nelle dichiarazioni può essere valutata dal Fisco sebbene non ricorrano irregolarità nella tenuta delle scritture contabili. La contestazione, con la conseguente negazione della deducibilità, non può però spingersi sino alla verifica oggettiva circa l’opportunità di tali costi rispetto all’oggetto dell’attività. Il fisco non può sostituirsi all’imprenditore nelle valutazioni dei costi sostenuti e quindi riprenderli a tassazione ove ritenuti antieconomici. È questo il difficile equilibrio che caratterizza l’orientamento della Suprema Corte. In numerose pronunce, i giudici di legittimità hanno affermato la non inerenza degli atti manifestamente “antieconomici” che determinano costi del tutto sproporzionati rispetto ai ricavi dell’impresa. 

Affitti con doppio trattamento

20 Settembre 2017

Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi, Paolo Meneghetti, pag. 22

Regime di cassa e componenti positivi e negativi: il fronte dei componenti positivi che sono attratti a tassazione nel momento dell’incasso: l’art. 66, comma 1, del T.U.I.R. cita a tal riguardo i ricavi ex art. 85 del T.U.I.R. e i dividendi ex art. 89, quindi per questi componenti il principio di cassa condiziona la rilevanza fiscale. Invece regolati dal principio di competenza vi sono i proventi immobiliari disciplinati dall’articolo 90 del TUIR e richiamati in modo esplicito dalla Circolare 11/17, par. 3.2.1. Quindi, volendo sistematizzare questo primo aspetto, si deduce che mentre le locazioni attive per immobili strumentali o merce sono disciplinate dal principio di cassa in quanto rientranti nella nozione di «ricavi ex art. 85 del T.U.I.R.», le locazioni attive di immobili di civile abitazione restano disciplinate dal principio di competenza, in quanto componenti da art. 90 del T.U.I.R.

Spesometro, rettifica dal primo file

20 Settembre 2017

Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi, Michele Brusaterra, pag. 23

Lo spesometro che le imprese ed i professionisti dovranno inviare entro il 28 settembre può essere corretto. A nove giorni dal termine ultimo per l’invio della prima comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute, nonché delle note di variazione, che prende in considerazione il primo semestre del 2017, l’Agenzia delle Entrate cerca di supportare i contribuenti attraverso delle FAQ.
In tema di rettifiche, viene chiarito che in presenza di una rettifica di una rettifica, ossia, per spiegarsi, un terzo invio – o successivi – che corregge ancora una volta la comunicazione, si debba sempre fare riferimento alla comunicazione originaria, e quindi non alla rettificativa precedente, nell’andare a valorizzare i riferimenti al file – tag «IdFile» e tag «Posizione». Il file a cui fare riferimento, dunque, è quello attraverso il quale sono stati trasmessi, per la prima volta, i dati, qualsiasi sia il numero di spedizioni di rettifica da effettuare.

Pagine