Rassegna stampa

Rivalutazione beni, si riparte

04 Dicembre 2018

Italia Oggi – Ditto e Fisco, Fabrizio G. Poggiani, pag. 26

Tra le novità che fanno capolino dagli emendamenti del governo al disegno di legge di bilancio 2019 depositati in commissione Bilancio alla Camera, riparte la rivalutazione dei beni e delle partecipazioni posseduti da società ed enti commerciali con un’imposta sostitutiva variabile, 16% per i beni ammortizzabili e 12% per quelli non ammortizzabili, con possibile affrancamento del saldo rivalutazione, mediante pagamento di un ulteriore 10%. Imu. Preliminarmente si ricorda che per la sola imposta municipale relativa agli immobili strumentali, i commi 715 e 716, dell'art. 1, della Legge 147/2013, avevano introdotto la possibilità di portare in deduzione dal reddito d'impresa e di quello professionale una quota non superiore al 20%. Un emendamento del governo raddoppia la percentuale di deducibilità ai fini IRES e IRPEF del tributo locale, portandola dal 20 al 40%.

PMI, super voucher sul digitale

04 Dicembre 2018

Italia Oggi – Ditto e Fisco, Roberto Lenzi. pag. 27

Gli emendamenti del governo alla Legge di Bilancio per il 2019, depositati in commissione bilancio alla camera, confermano per le micro, piccole e medie imprese di tutto il territorio nazionale i voucher a fondo perduto per acquisire consulenze o manager digitali. La misura andrà ad arricchire il piano Industria 4.0 per il prossimo biennio. Da una parte è prevista la mancata proroga del credito d'imposta per la formazione 4.0, su cui le imprese non potranno quindi contare per il 2019; dall'altra arriva però in soccorso un nuovo strumento agevolativo, con un taglio massimo di 80 mila euro. Questo nuovo voucher permetterà alle imprese di minori dimensioni di abbattere fino al 50% i costi per fare ricorso ad un consulente sulla digitalizzazione oppure ad un manager digitale. Il voucher digitalizzazione 2019-2020 sarà concentrato sulle spese di consulenza oppure relativo ad un incarico a un manager specializzato in digitalizzazione. 

Da oggi stop alla Sabatini ter

04 Dicembre 2018

Italia Oggi – Giustizia e Società, Cinzia De Stefanis - Luigi Chiarello, pag. 28

A partire da oggi, quattro dicembre, chiude lo sportello per la presentazione delle domande di accesso ai contributi Sabatini ter (acquisto beni strumentali d'impresa), a causa dell'esaurimento delle risorse finanziarie disponibili. Da questa data, pertanto, le domande presentate dalle imprese sono considerate irricevibili. Con un decreto direttoriale del ministero dello Sviluppo economico del 3 dicembre 2018 (in corso di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale) è stata disposta la chiusura dello sportello incentivi «beni strumentali d'impresa» per la presentazione delle domande di accesso ai contributi. La chiusura è stata causata dall'esaurimento dei fondi, precedentemente stanziati. La misura, va ricordato, sostiene gli investimenti per acquistare (o acquisire in leasing) macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo e hardware, nonché software e tecnologie digitali. 

Il bonus per la formazione 4.0 anche per corsi e-learning

04 Dicembre 2018

Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi, Giorgio Gavelli, pag. 24

Il Ministero dello Sviluppo Economico, con la Circolare 412088 pubblicata ieri, ha fornito alcuni chiarimenti in merito al credito d’imposta “formazione 4.0”, disciplinato dai commi 46 e seguenti della legge di Bilancio 2018 e dal decreto dello Sviluppo economico del 4 maggio scorso. In particolare, il Ministero dà il via libera alla formazione online, pur con un obbligo di assicurare, in forma interattiva e almeno per il futuro, l’effettiva e continua partecipazione del personale impegnato. Inoltre, il deposito all’Ispettorato del lavoro del contratto collettivo aziendale o territoriale (ovvero della sua integrazione), potrà avvenire entro il 31 dicembre, anche successivamente all’effettivo svolgimento dell’attività formativa.

Consulenti in allarme sull’e-fattura «Peso insopportabile per i piccoli»

04 Dicembre 2018

Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi, Federica Micardi pag. 25

Ieri alla Camera si è svolto un incontro presso la Commissione Finanze alla presenza di Sogei e Agenzia delle Entrate sulla fatturazione elettronica, che dovrà prendere il via il prossimo 1° gennaio. L’incontro non ha tranquillizzato i politici del M5S, come ha comunicato il portavoce del Movimento alla Camera: Al 3 dicembre siamo ancora di fronte ad importanti criticità che abbiamo ribadito e segnalato al tavolo. Invitiamo, ancora una volta, Sogei ad accelerare per rendere maggiormente fruibili i software».
È intenzione dei Cinque Stelle stilare un calendario delle semplificazioni. Nel comunicato il Movimento ricorda che questo problema è un retaggio del precedente governo.

Processo telematico, la copia certificata solo dal legale pubblico

04 Dicembre 2018

Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi, Laura Ambrosi - Antonio Iorio, pag. 23

La conformità dei documenti digitali potrà essere attestata soltanto dai difensori degli enti impositori. È una novità introdotta dal D.L. 119/2018: tra le novità del processo tributario telematico dal prossimo 1° luglio vi è infatti il potere di certificazione della conformità, ossia il rilascio di un’attestazione di conformità all’originale di un documento presente nel fascicolo sia esso depositato da una parte, sia emesso dalla commissione tributaria stessa. Si tratta di una questione particolarmente delicata che, probabilmente, non è stata adeguatamente ponderata in quanto, in assenza di modifiche, rischierebbe di compromettere gli obiettivi benefici introdotti con il processo tributario telematico.

Pagine