Focus

Focus su IRPEF

Perdite IRPEF riportabili senza limiti di tempo

03 Giugno 2019 | di Sandro Cerato

L. 145/2018
D.P.R. 917/1986 TUIR
Circolare 8/E/2019

IRPEF

La Legge di Bilancio 2019 ha apportato profonde modifiche alla disciplina del riporto delle perdite d’impresa dei soggetti IRPEF, contenute nell’art. 8 del TUIR. In particolare, si è previsto che le perdite derivanti dallo svolgimento di un’attività d’impresa, in regime di contabilità ordinaria o semplificata, possano essere riportate nei successivi periodi d’imposta senza limiti di tempo a scomputo dell’80% del reddito imponibile degli esercizi successivi, ad eccezione delle perdite maturate nei primi tre periodi d’imposta, le quali possono essere utilizzate a scomputo del 100% dell’imponibile.

Leggi dopo

L'articolo 24 bis per i “super ricchi”. Lo stato dei luoghi ad un anno dalla nascita tra vantaggi e criticità

05 Novembre 2018 | di Eugenio Condoleo

Modello_Check+list.pdf

IRPEF

La Legge di stabilità del 2017 ha introdotto uno speciale regime fiscale per chi decida di trasferirsi in Italia ed assumerne la residenza. Tale misura meglio definita in ambito mondiale quale “residents non domiciled” è assai diffusa anche in altre legislazioni ed è basata sulla possibilità di scegliere il pagamento di una flat – tax sui redditi di fonte estera ed in particolare, in Italia, di un’imposta sostitutiva pari a € 100.000 oltreché € 25.000 per ogni familiare che opti per la stessa scelta. Resta inteso che le classiche aliquote progressive relative all’I.R.PE.F. rimangono applicabili per tutti i redditi che tali soggetti matureranno sul territorio italiano.

Leggi dopo

Vendita di caffè: i ricavi possono essere quantificati con un criterio meramente empirico

10 Maggio 2018 | di Isabella Buscema

IRPEF

Il Fisco, basandosi su indizi o presunzioni gravi, precisi e concordanti, procede con la ricostruzione del reddito e la relativa notifica della nuova pretesa fiscale. Affinché venga reperita una prova presuntiva, è sufficiente anche un unico fatto noto, quando i suoi aspetti siano chiaramente ed univocamente concordanti sul verificarsi del fatto ignoto. Così ha statuito la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 10207/18 depositata il 27 aprile, accogliendo il ricorso del Fisco che aveva accertato i ricavi di un bar mediante il consumo di caffè.

Leggi dopo

Car sharing: se documentato per le trasferte dei dipendenti nel territorio comunale è esente IRPEF

04 Ottobre 2016 | di Federico Gavioli

IRPEF

Il servizio di car sharing nelle aree urbane rappresenta una evoluzione dei tradizionali sistemi di mobilità: il rimborso spese per tale servizio in favore dei dipendenti in trasferta nel territorio comunale, se debitamente documentato, è esente da IRPEF. La precisazione è stata resa dall'Amministrazione con la recente Risoluzione n. 83/E.

Leggi dopo

Il Decreto IRPEF è legge: la novità in materia di rateazione dei debiti

24 Giugno 2014 | di Federico Gavioli

D.L. 24 aprile 2014, n. 66 coordinato con L. 23 giugno 2014, n. 89.pdf

IRPEF

È stato definitivamente convertito il D.L. 66/2014: molte sono le novità introdotte in materia fiscale e, in particolare, in sede di conversione è stato inserito il nuovo articolo 11-bis che rappresenta l’ultima chance per i debitori del Fisco decaduti dalla rateazione alla data del 22 giugno 2013 che ora potranno presentare una “nuova” istanza di rateazione con Equitalia entro le fine del mese di luglio.

Leggi dopo

Elevato tenore di vita? Deriva da una compravendita simulata

02 Maggio 2014 | di Antonio Terlizzi

Cass. civ., ord. 23 aprile 2014, n. 9173

IRPEF

La CTR non può aderire acriticamente alla decisione di prime cure che ha annullato l’accertamento sintetico a carico di una contribuente che ha giustificato l’elevato tenore di vita con incrementi patrimoniali derivanti da una compravendita apparentemente simulata. Così la Corte di Cassazione con l'ordinanza n. 9173 del 23 aprile scorso.

Leggi dopo

Tutte le novità del Decreto IRPEF

28 Aprile 2014 | di Federico Gavioli

Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66

IRPEF

Con il D.L. n. 66/2014 il Governo ha adottato una serie di provvedimenti tra i quali la riduzione del “cuneo fiscale”. L'obiettivo è quello di stimolare l’economia attraverso un aumento dei consumi e la creazione di un ambiente economico più favorevole agli imprenditori e agli investimenti produttivi. L'impatto potenziale dei due interventi combinati, in favore di lavoratori dipendenti ed imprese, dovrebbe, nelle intenzioni dell'Esecutivo, invertire la crisi di fiducia che frena il sistema economico del Paese e cambiare il verso della fase economica che viene da una lunga recessione. Dal bonus IRPEF di 80 euro per i lavoratori dipendenti alle novità in materia di IRAP, dal rafforzamento delle misure di contrasto all’evasione fiscale all'aumento della tassazione sulle rendite finanziarie.

Leggi dopo