Focus

Focus

Spese di formazione per il personale dipendente: al via il credito d'imposta per il settore "Industria 4.0"

19 Febbraio 2018 | di Amedeo Mellaro

Legge di Bilancio 2018

L’art. 1, della Legge 27 dicembre 2017, n. 205 (Legge di Bilancio 2018), al comma 46 introduce il credito d’imposta formazione 4.0 al fine di incentivare il rafforzamento delle competenze nel settore delle tecnologie previste dal Piano nazionale impresa 4.0. L’incentivo, salvo proroghe, ha durata limitata all’anno d’imposta 2018 e la sua misura è pari al 40% del costo aziendale dei lavoratori dipendenti fino ad un importo massimo annuo pari ad euro 300.000 per ciascun beneficiario.

Leggi dopo

Accollo del debito d'imposta e divieto di compensazione

13 Febbraio 2018 | di Fabrizio Papotti, Antonella Tarsia Morisco

Risoluzione 15 novembre 2017, n. 140/E

Compensazioni

L’istituto dell’accollo del debito viene recepito nel diritto tributario con alcune peculiarità, messe in luce dall’Amministrazione finanziaria con la Risoluzione 15 novembre 2017, n. 140/E. Dopo l’emanazione di questo documento di prassi, non sarà più realizzabile l’operazione che vede l’accollo del debito da parte di un terzo (accollante) che lo estingue mediante l’utilizzo di propri crediti tributari. In particolare, oltre a confermare che, in ambito tributario, l’accollo del debito altrui può essere solo cumulativo e non anche liberatorio, l’Agenzia delle Entrate ha affermato il divieto, in capo all’accollante, di procedere alla compensazione del debito accollato con un proprio credito tributario.

Leggi dopo

I chiarimenti dell'Agenzia per i semplificati per cassa

12 Febbraio 2018 | di Sandro Cerato

Contabilità semplificata

Nel corso del consueto incontro di inizio anno con la stampa specializzata l’Amministrazione ha fornito alcuni importanti chiarimenti per i contribuenti in regime di contabilità semplificata che, a partire dall’anno 2017, applicano obbligatoriamente il regime di “cassa” di cui all’art. 66 del T.U.I.R., come modificato dall’art. 1, co. da 17 a 23, della Legge di Bilancio 2017. In particolare, i chiarimenti hanno riguardato il rapporto con le regole della detrazione IVA sugli acquisti, gli obblighi in caso di opzione per il regime di contabilità ordinaria, i tempi di annotazione delle operazioni fuori campo IVA per i soggetti che hanno optato ex art. 18, co. 5, D.P.R. n. 600/73, e l’impatto dei componenti reddituali maturati fino al 2016 la cui imputazione è stata rinviata nei periodi d’imposta successivi.

Leggi dopo

Modello IVA 2018, l'esame delle principali novità

07 Febbraio 2018 | di Nicola Forte

Modello IVA

Dal 1° febbraio scorso i contribuenti possono presentare la Dichiarazione annuale IVA 2018. Le novità sono diverse, ma profondamente influenzate dal nuovo adempimento, entrato in vigore nell’anno 2017, riguardante l’obbligo di trasmissione all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi alle liquidazioni IVA.

Leggi dopo

Impugnazione infondata: il raddoppio del contributo unificato non vale per il processo tributario

06 Febbraio 2018 | di Giuseppe Marino

Contributo unificato

Il fatto di non aver tenuto conto dell’opzione ermeneutica fondata sull’insuscettibilità dell’applicazione estensiva o analogica al processo tributario del raddoppio del contributo unificato e sul tenore testuale della disposizione impugnata, che circoscrive la sua operatività al processo civile, rende inammissibile la questione di legittimità costituzionale dell’art. 13, c. 1-quater, DPR n. 115/2002. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale, con la sentenza n. 18, depositata il 2 febbraio 2018.

Leggi dopo

Nuovi chiarimenti per l'iper ammortamento nell'acquisto di beni strumentali

05 Febbraio 2018 | di Sandro Cerato

Ammortamento

In occasione dell'incontro specializzato con la stampa, l’Agenzia delle Entrate ha fornito diversi chiarimenti in tema di iper ammortamento per l’acquisto di beni strumentali. L’art. 1, c. 30, della L. 27 dicembre 2017, n. 205 (Legge di Bilancio 2018) ha previsto la possibilità di applicare l’agevolazione dell’iper ammortamento, pari al 150% del costo del bene ammortizzabile, anche per gli investimenti effettuati nel periodo d’imposta 2018, nonché per quelli eseguiti nel 2019 a condizione che entro il 31 dicembre 2018 sia avvenuto il pagamento di un acconto almeno pari al 20% del costo di acquisto e vi sia stata la conferma dell’ordine. I successivi commi 35 e 36 della legge n. 205/2017 contengono un’innovativa disciplina che consente, in presenza di determinate condizioni, di proseguire la deduzione dell’iper ammortamento anche successivamente alla cessione del bene.

Leggi dopo

Bonus pubblicità: il credito d’imposta per il 2018

01 Febbraio 2018 | di Monica Greco

art. 57-bis, D.L. n. 50/2017

Pubblicità e sponsorizzazioni

Pubblicizzare la propria attività, investire in campagne informative per accrescere il proprio business e approdare in nuovi mercati, raccontare della propria impresa sul web: sono oggi strade percorribili per ottenere benefici fiscali. L'ultima misura agevolativa strutturata dal legislatore è disciplinata dall'art. 57 bis del DL n. 50/2017 e si chiama bonus della pubblicità: un vantaggio fiscale riservato a chi effettua investimenti pubblicitari sui giornali e sulle emittenti radio-televisive erogato sotto forma di credito d'imposta, da utilizzare in compensazione, mediante il modello F24. Il bonus premia le imprese e i lavoratori autonomi che incrementeranno gli investimenti in campagne pubblicitarie, rispetto alle somme destinate alle medesime spese nell'anno precedente. Infatti, si tratta di una misura che si pone lo scopo di supportare coloro che aumenteranno significativamente - almeno dell'1% - i budget destinati alle campagne pubblicitarie su mezzi di comunicazione (stampa, televisione, radio, web), ma si pone anche come fine - riconoscendo le difficoltà del settore - di sostenere l'editoria. In attesa del DPCM con le disposizioni attuative, sono state diffuse dal Ministero le note esplicative delle linee guide per usufruire di questo nuovo beneficio fiscale.

Leggi dopo

Le novità in materia di utilizzo del credito IVA annuale

29 Gennaio 2018 | di Sandro Cerato

Compensazioni crediti IVA

L’eccedenza IVA detraibile dell’anno 2017 (Modello IVA 2018) può essere recuperata dal soggetto passivo attraverso l’istituto della compensazione orizzontale (con altri tributi e contributi) e/o verticale (con i versamenti delle liquidazioni periodiche). È ammessa, inoltre, la possibilità di richiedere a rimborso, in tutto o in parte, il credito IVA, purché siano rispettati i requisiti e le condizioni prescritte nel contesto degli artt. 30 e 38-bis del D.P.R. n. 633/72. L’opzione per l’una o per l’altra delle richiamate modalità di recupero dell’eccedenza detraibile non è esclusiva, nel senso che il contribuente può decidere quale parte del credito annuale chiedere a rimborso e quale destinare alla compensazione.

Leggi dopo

Arrivano i chiarimenti dell'Agenzia sulla detrazione IVA

26 Gennaio 2018 | di Francesco Barone

IVA

Dopo le modifiche riguardanti la disciplina del diritto alla detrazione dell’IVA, avvenute a seguito dell’entrata in vigore dell’art. 2, D.L. n. 50/2017, convertito con modificazioni dalla Legge n. 96/2017, gli imprenditori e i loro consulenti si erano trovati in grosse difficoltà operative, specie in merito al trattamento contabile delle fatture di acquisti ricevute nel 2018 il cui diritto alla detrazione d’imposta era sorto nel 2017. Con la Circolare n. 1/E del 17 gennaio scorso, l’Amministrazione ha fornito i chiarimenti necessari per poter procedere in modo corretto in ordine alla disciplina del diritto alla detrazione dell’IVA, tenendo conto delle modifiche della normativa di seguito evidenziate.

Leggi dopo

Al via la verifica fiscale 2.0 delle Fiamme Gialle

24 Gennaio 2018 | di Dario Sopranzetti

Verifiche fiscali

Dal 1° gennaio è in vigore il nuovo Manuale operativo (Circolare n. 1/2018) della Guardia di Finanza in tema di verifiche fiscali. Nell’era della compliance il Corpo si propone quale rinnovata polizia economico-finanziaria che, contrastando i fenomeni evasivi che minano la leale concorrenza, tutela la folta schiera dei contribuenti onesti.

Leggi dopo

Pagine