Guide agli adempimenti

Guide agli adempimenti

Dichiarazioni 2018: le novità nel reddito d'impresa e di lavoro autonomo

19 Aprile 2018 | di Francesco Barone

Modello Redditi Persone fisiche

Con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 30 gennaio 2018, è stato approvato il modello “REDDITI 2018 – PF”, unitamente alle relative istruzioni, che le persone fisiche devono presentare nell’anno 2018, per il periodo d’imposta 2017, ai fini delle imposte sui redditi. Sulla base delle disposizioni del D.P.R. n. 322/1998 e successive modifiche, sono stabiliti i termini entro cui deve essere presentato il Modello REDDITI Persone Fisiche 2018. Di seguito vengono esaminate le principali novità riguardanti i titolari di reddito d’impresa e di lavoro autonomo contenute nel fascicolo 3 del citato Modello.

Leggi dopo

La derivazione rafforzata e il Bilancio 2017

11 Aprile 2018 | di Francesco Barone

Bilancio d'esercizio

Il D.Lgs. n. 139/2015, pur avendo innovato profondamente le regole di redazione del bilancio d'esercizio, non è stato tuttavia sufficiente a dettare una disciplina di coordinamento tra le suddette regole, contenute nel Codice civile, e quelle fiscali, previste sia nel T.U.I.R. sia nel D.Lgs. n. 446/1997, riguardante l'IRAP. Tale disciplina è, invece, stata introdotta con l'art. 13-bis del D.L. n. 244/2016, che rappresenta, nella pratica, il raccordo tra la normativa di cui al D.Lgs. n. 139/2015 ed il relativo trattamento tributario delle operazioni presenti nel bilancio d'esercizio. Successivamente, con D.M. 3 agosto 2017, sono state emanate le norme attuative del citato art. 13-bis, nonché le disposizioni di revisione del D.M. 8 giugno 2011 per i soggetti che si basano sui principi contabili internazionali IAS/IFRS, ai fini dell'applicazione ai soggetti che redigono il bilancio in base al codice civile, diversi dalle micro imprese, ex art. 83 T.U.I.R.

Leggi dopo

La rottamazione bis 2018: ecco cosa fare entro il 15 maggio

06 Aprile 2018 | di Marco Ligrani

Cartelle esattoriali

Dopo il bilancio positivo dello scorso anno, il Legislatore ha riproposto la sanatoria dei carichi pendenti con l’agente della riscossione, estendendola anche a quelli del 2017 fino a settembre, ma non sono solo questi a poter essere definiti con la nuova sanatoria. Sono stati, innanzitutto, riammessi quelli che rientravano nella prima versione, ma per i quali non era stata presentata la domanda (entro il 21 aprile 2017). Inoltre, sarà possibile recuperare i vecchi ruoli, oggetto di una precedente dilazione non interamente saldata al 31 dicembre 2016, che, per questo, erano rimasti esclusi dalla prima versione della sanatoria. Vediamo, dunque, quali sono gli step per aderire alla rottamazione bis, con scadenza 15 maggio.

Leggi dopo

Soggetti IRI: la gestione della liquidità

23 Marzo 2018 | di Stefano Mazzocchi

IRI

Uno tra gli aspetti più delicati, che potranno emergere in sede di applicazione dell'IRI, attiene alla gestione della liquidità: in caso di mancato o ridotto prelievo di utili, infatti, si genererebbe in via sistematica della liquidità consistente. L'art. 55-bis del TUIR è finalizzato a favorire la capitalizzazione, separando ai fini impositivi il reddito derivante dall’impresa - che sconta la tassazione in misura fissa (una sorta di flat tax specifica) - dagli altri redditi percepiti dall’imprenditore, in cui confluirà anche il reddito che lo stesso ritrae dall’azienda come compenso del suo contributo lavorativo, assoggettati all’ordinaria IRPEF in misura progressiva. In altre parole, gli imprenditori individuali (oltre alle società di persone e alle SRL trasparenti) per la parte di reddito reinvestita nell’azienda non sono assoggettati a tassazione progressiva: questa viene, invece, operata all’atto del prelievo del reddito dall’impresa.

Leggi dopo

La nuova disciplina privacy vicina al debutto

12 Marzo 2018 | di Saverio Cinieri

Privacy

Dal 25 maggio 2018, entrano in vigore le nuove norme in materia di privacy contenute nel Regolamento UE n. 2016/679 (c.d. GDPR). Pur essendo confermata l’attuale disciplina sulla privacy contenuta nel D.Lgs. n. 196/2003, non mancano alcune importanti novità di cui dovranno tener conto le imprese e i soggetti pubblici. Tra queste si segnala il debutto di una nuova figura, del Responsabile della protezione dei dati (RPD) - Data Protection Officer (DPO), che, tra le altre cose, ha il compito di sorvegliare l’osservanza del regolamento, valutando i rischi di ogni trattamento alla luce della natura, dell’ambito di applicazione, del contesto e delle finalità. Le imprese e gli enti avranno più responsabilità, ma potranno beneficiare di semplificazioni. Però, va fatta particolare attenzione all’osservanza delle regole perché sono previste sanzioni pecuniarie, anche molto gravose.

Leggi dopo

I primi chiarimenti dell’amministrazione sui PIR: MEF e Agenzia delle Entrate al lavoro in sinergia

08 Marzo 2018 | di Domenico De Gaetano

PIR

In un precedente contributo abbiamo già illustrato, per grandi linee, l’innovativa disciplina in materia di piani di risparmio a lungo termine, ponendo l’attenzione sui meccanismi di funzionamento di tale peculiare agevolazione fiscale; il presente lavoro, al contrario, è dedicato ai documenti di prassi, recentemente pubblicati dall’Amministrazione finanziaria per fornire ai soggetti destinatari dell’agevolazione e soprattutto agli intermediari finanziari, chiamati a gestirla sul piano operativo, un quadro più possibile chiaro di regole. Nelle Linee Guida del Ministero dell’Economia e delle Finanze, pubblicate il 4 ottobre 2017, e nella Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 3 del 26 febbraio 2018, l’Amministrazione finanziaria ha infatti cercato di far luce sui problemi interpretativi di maggior interesse, rimasti sul tappeto all’indomani dell’entrata in vigore della disciplina PIR.

Leggi dopo

Modello Redditi PF: le novità di quest'anno sugli oneri detraibili

22 Febbraio 2018 | di Federico Gavioli

Modello Redditi Persone fisiche

Il Modello REDDITI Persone Fisiche 2018 è già stato oggetto di modifiche con un recente Provvedimento direttoriale. Diverse sono le novità sulle quali porre l'accento: cedolare secca, locazioni brevi, premi di risultato e welfare aziendale, sismabonus e ecobonus, spese sostenute dagli studenti universitari.

Leggi dopo

La nuova Sabatini e l'ammissione al beneficio degli investimenti effettuati fino al 31 dicembre 2018

16 Febbraio 2018 | di Monica Greco

Nuova Sabatini

Istituita dal Decreto del Fare, art. 2 DL n. 69/2013, la "nuova Sabatini" è la disposizione finalizzata ad aumentare la competitività del sistema produttivo del Paese attraverso il ricorso al credito agevolato per l'acquisto di beni strumentali funzionali alla propria impresa e attività. Questo se da un lato rende l'agevolazione automaticamente sempre molto appetibile per le PMI che vogliono accrescere il proprio business, dall'altro ha reso la disposizione oggetto di continue implementazioni normative. Ultimo provvedimento intervenuto in materia è la Legge di Bilancio 2018 - art. 1, c. 40 e seguenti - la quale, tra l'altro, ha eliminato la precedente scadenza del 31 dicembre 2018 per la concessione dei finanziamenti da parte di banche e società di leasing, ha stanziato ulteriori 330 milioni di euro, relativi agli anni 2018-2023, per la corresponsione dei contributi a favore delle PMI e, infine, ha previsto di destinare il 30% delle risorse agli investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.

Leggi dopo

Retribuzioni convenzionali 2018 per i lavoratori all’estero: a cosa servono e come si applicano

08 Febbraio 2018 | di Saverio Cinieri

Lavoro dipendente e subordinazione

Il MinLav ha emanato, di concerto con il MEF, il Decreto 20 dicembre 2017 (in G.U. 18 gennaio 2018, n. 14) contenente le retribuzioni convenzionali, valide per il 2018, per il calcolo dei contributi previdenziali obbligatori per i lavoratori italiani operanti in Paesi extra-comunitari. Le suddette retribuzioni trovano applicazione, oltre che in campo previdenziale, anche ai fini fiscali, sulla base di quanto stabilito dall’art. 51, c. 8-bis, T.U.I.R. A tal fine, però, è necessario da un lato il verificarsi di alcune condizioni e, dall’altro, il rispetto di determinate regole procedurali.

Leggi dopo

Novità al modello di Dichiarazione IVA 2018

02 Febbraio 2018 | di Pierangelo Reale

Modello IVA

Con il Provvedimento Prot. n. 10581 del 15 gennaio 2018 l’Agenzia delle Entrate ha approvato i modelli di dichiarazione IVA/2018 concernenti l’anno 2017, con le relative istruzioni, da presentare nell’anno 2018 ai fini dell’imposta sul valore aggiunto. Diverse sono le novità che caratterizzano la versione 2018 della Dichiarazione IVA annuale che vanno dal nuovo Quadro VH, rivisitato per accogliere l’introduzione del nuovo adempimento relativo alla Comunicazione delle liquidazioni dati IVA, che da quest’anno dovrà essere compilato esclusivamente qualora si intenda inviare, integrare o correggere i dati omessi, incompleti o errati già rappresentati nelle comunicazioni periodiche delle liquidazioni IVA, alle modifiche apportate per recepire le ultime novità in materia di IVA di Gruppo e Split Payment.

Leggi dopo

Pagine