Guide agli adempimenti

Guide agli adempimenti

730 e Unico 2013: acconti da ricalcolare

20 Novembre 2013 | di Lidia Vinciguerra

Modello Redditi Persone fisiche

Entro il 2 dicembre prossimo (il 10 dicembre, invece, per i soli soggetti IRES, come da proroga del Governo statuita nel Cdm del 27 novembre) si deve procedere al versamento del secondo acconto di tutte le imposte sui redditi del 2013. Tale adempimento richiede, tuttavia, il ricalcolo dell’importo da versare a seguito dell’aumento di un punto percentuale disposto dal D.L. n. 76/2013 per l’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) e per l’imposta sul reddito delle società ed enti (IRES).

Leggi dopo

Dichiarazione delle operazioni intracomunitarie: i Modelli INTRASTAT

13 Novembre 2013 | di Luca Cogliandro

Elenchi INTRASTAT

In seguito all’abolizione delle barriere doganali nell’ambito dell’UE, avvenuta dal 1° gennaio 1993, sono state introdotte nuove regole finalizzate a disciplinare gli scambi intracomunitari e rendere possibile il controllo fiscale e statistico delle transazioni, prima effettuato alle frontiere. In tale ottica, il D.L.n. 331/93, disciplinante le “operazioni intracomunitarie”, all’art. 50, comma 6, prevede, per i soggetti passivi IVA, l’obbligo di compilare e presentare i modelli INTRASTAT, riportanti l’indicazione degli acquisti e delle cessioni intracomunitarie effettuate in un certo periodo. Dal 1° gennaio 2010, tale obbligo (prima limitato solo ai beni ceduti o acquistati) è stato esteso - con il D. Lgs. n. 18/2010 - anche ad alcune prestazioni di servizi rese o ricevute, relativamente a controparti appartenenti al territorio comunitario. In attuazione delle suddette disposizioni è stato emanato il D.M. del 22 febbraio 2010, che ha stabilito le modalità e i termini per la presentazione degli elenchi. Infine, con il recente D.L. n. 69/2013, è stata prevista l’abrogazione degli elenchi riepilogativi per i servizi "generici" ricevuti.

Leggi dopo

Collaboratori a progetto: le condizioni per accedere all'indennità a sostegno del reddito

08 Novembre 2013 | di Alfredo Casotti, Maria Rosa Gheido

CO.CO.PRO.

Superata la fase di sperimentazione, diventa definitiva la misura a sostegno del reddito prevista per i collaboratori coordinati e continuativi rimasti privi di un contratto di lavoro. Come chiarito dall'INPS, sono interessati i soli collaboratori a progetto iscritti esclusivamente alla Gestione separata del lavoro autonomo che hanno operato - nell’anno precedente a quello della richiesta - in regime di monocommittenza. Analisi delle condizioni necessarie e delle modalità operative per presentare la domanda per accedere al beneficio.

Leggi dopo

Cessione d'azienda: aspetti civilistici e fiscali

30 Ottobre 2013 | di Alberto Molgora

Cessione d'azienda

Mediante la cessione di azienda, il cedente trasferisce al cessionario la titolarità dell’azienda contro il pagamento di un prezzo in denaro. Si tratta di un’operazione che può rispondere a differenti finalità ed obiettivi di carattere strategico, economico e patrimoniale: dalla diversificazione del portafoglio di business, alla riorganizzazione infragruppo, sino alle ipotesi di ristrutturazione in situazioni di crisi. Il presente intervento intende focalizzarsi sui principali aspetti di ordine civilistico e fiscale proprie della cessione d’azienda, avendo cura di porne in evidenza le peculiarità.

Leggi dopo

La disciplina dell’ASpI a dieci mesi dalla sua entrata in vigore

23 Ottobre 2013 | di Stefano Lapponi

ASpI

Il 1° gennaio 2013 ha fatto ingresso nel nostro Ordinamento l’Assicurazione sociale per l’impiego, con la funzione di garantire una indennità mensile di disoccupazione ai lavoratori che abbiano perduto l’impiego in modo involontario. Dall’entrata in vigore della Legge di Riforma del Mercato del Lavoro, si sono susseguite diverse circolari INPS (nn. 140/2012, 144/2013 e 145/2013), il D.M. 29 Marzo 2013, n. 73380 (Erogazione in unica soluzione dell'indennità ASpI e mini-ASpI) e il D.L. n. 76/2013, essenziali per disciplinare la corretta applicazione del nuovo istituto previdenziale. L’ASpI è un ammortizzatore sociale destinato a sostituire l’indennità di disoccupazione, e diverrà pienamente operativo dal 2017 con la sostituzione dell’indennità di mobilità. I beneficiari sono i lavoratori che hanno perso l'occupazione in modo involontario; nel novero dei suddetti, rientrano anche gli apprendisti e i soci lavoratori di cooperative. Sono invece esclusi i lavoratori agricoli sia a tempo determinato che indeterminato per i quali si applica la disciplina speciale.

Leggi dopo

Spesometro: procedure operative, scadenze e rimedi esperibili

16 Ottobre 2013 | di Luigi Risolo

Spesometro

L’obbligo di comunicazione, in via telematica all’Agenzia delle Entrate, per le operazioni rilevanti ai fini IVA (attive e passive) è stato introdotto dall’art. 21 D.L. n. 78/2010. Inizialmente, la comunicazione relativa allo Spesometro doveva essere eseguita per le operazioni IVA di importo pari o superiore ad € 3.000,00 al netto dell’imposta e le stesse andavano documentate da apposita fattura; medesimo adempimento doveva essere esperito, inoltre, per le operazioni di importo pari o superiore ad € 3.600,00 (IVA inclusa) se non erano documentate da fattura. Con le modifiche del D.L. n. 16/2012, a decorrere dal 1° Gennaio 2012 è stato disposto l’obbligo di comunicazione per tutte le operazioni fatturate e per le operazioni per le quali non sussiste il dovere di emettere la fattura, purché di importo pari o superiore ad € 3.600,00 comprensivi di imposta. Ancora, il Provvedimento Direttoriale del 2 Agosto 2013 ha esplicitato le modalità tecniche ed operative per le comunicazioni dei dati rilevanti ai fini IVA in riferimento alle operazioni effettuate a partire dal 2012. A compendio del tutto, il 10 ottobre è stato pubblicato il modello definitivo, di natura polivalente, per l'invio dei dati relativi allo Spesometro.

Leggi dopo

Il TFR nel fallimento e i versamenti al fondo di tesoreria dell'INPS

09 Ottobre 2013 | di Ignazio Arcuri

Curatore fallimentare

La Circolare INPS n. 21/2013, intervenuta sulla disciplina della trasmissione telematica della domanda aziendale per il pagamento diretto del TFR ai lavoratori, fornisce le indicazioni sull'unificazione dei dati precedentemente riportati in due modelli cartacei differenti (FTES_01 e FTES_02) e gestiti, rispettivamente, da curatore fallimentare e dipendente. La Guida, analizzando la ricca prassi correlata agli adempimenti del curatore, si sofferma dapprima sulla natura degli accantonamenti per TFR, quindi volge lo sguardo ai responsabili delle procedure e agli oneri su di loro incombenti, sovente non previsti dalla Legge ed estranei per definizione alla materia procedurale in senso stretto.

Leggi dopo

Modello 730/2013 - integrativo: modalità di presentazione

02 Ottobre 2013 | di Lidia Vinciguerra

Modello 730

Entro il prossimo 25 ottobre il contribuente che ha commesso errori nella compilazione del modello 730/2013, può presentare con le modalità ordinarie (al CAF o al professionista abilitato) una dichiarazione integrativa, le cui modalità differiscono a seconda che il contribuente debba correggere errori od omissioni che comportino un maggior credito o debito, errori sui dati del sostituto d’imposta oppure entrambi.

Leggi dopo

Trust e fondo patrimoniale a confronto

25 Settembre 2013 | di Andrea Marchegiani, Pierpaolo Ceroli

Trust

In un periodo di crisi economica come quello che stiamo vivendo, il trust e il fondo patrimoniale sono due istituti che vengono richiamati con frequenza, in quanto rappresentano strumenti finalizzati alla protezione del proprio patrimonio. Senza mettere in discussione la loro utilità, è idea comune che il trust non possa essere legittimamente usato a questi fini di protezione, essendo poco chiare le caratteristiche e le funzioni di tale rapporto giuridico. L'analisi raffronta i profili civilistici e quelli fiscali delle materie, mettendo in risalto le analogie e le differenze in ordine a limiti soggettivi ed oggettivi, durata, protezione patrimoniale e profilo formale.

Leggi dopo

Redditometro: arrivano le lettere ai contribuenti, ecco come difendersi

20 Settembre 2013 | di Federico Gavioli

Redditometro

Entra in piena attuazione la campagna dei controlli legati al nuovo Redditometro; nelle prossime settimane molti contribuenti (anche se per la verità la platea degli interessati rappresenta lo 0,1% dei 40 milioni di contribuenti) riceveranno le lettere dell’Agenzia delle Entrate ricavate dalla cd. “lista selettiva” di soggetti a rischio di evasione fiscale. Con il presente commento analizziamo quale possa essere il corretto comportamento da assumere, da parte del contribuente, in caso di accertamento da Redditometro.

Leggi dopo

Pagine