Guide agli adempimenti

Guide agli adempimenti

Modello 730/2014: cosa è cambiato

27 Marzo 2014 | di Lidia Vinciguerra

Modello 730

L’Agenzia delle Entrate, con Provvedimento del 16 gennaio 2014 ha pubblicato il Modello 730, con le relative istruzioni, per la dichiarazione dei redditi percepiti nell’anno 2013 da lavoratori dipendenti e pensionati. Il Modello 730 può essere presentato entro il 30 aprile al proprio datore di lavoro o ente pensionistico oppure entro il 31 maggio ad un CAF o ad un intermediario abilitato. Una delle novità più rilevanti di questo modello è l’introduzione, a regime, della possibilità di presentare tale dichiarazione anche in mancanza di sostituto d’imposta nel mese in cui avviene il rimborso (solitamente luglio): infatti il contribuente che ha percepito redditi di lavoro dipendente, assimilati o di pensione nel corso dell’anno 2013 può presentare il Modello 730 barrando l’apposita casella posta nel frontespizio e comunicando all’Agenzia delle Entrate, mediante apposito modello, le coordinate bancarie IBAN dove effettuare il rimborso delle somme a credito.

Leggi dopo

La riapertura delle procedure di rivalutazione e riallineamento

19 Marzo 2014 | di Piercarlo Bausola

Partecipazioni

La Legge di Stabilità per il 2014 ha riaperto le porte a molteplici forme rivalutative, rivisitando molte delle formule già sperimentate in passati provvedimenti normativi. In particolare, si prevede la possibilità di rivalutare il costo fiscale delle partecipazioni non quotate e dei terreni per i soggetti IRPEF: grazie ad una nuova modifica dell’art. 2, co. 2 D.L. 282/2002, sarà possibile, entro il 30 giugno del 2014, attraverso la redazione di una perizia di stima asseverata e la corresponsione di un’imposta sostitutiva, rideterminare il valore fiscale di carico dei citati assets, posseduti alla data del 1° gennaio 2014. Inoltre, si prevede la possibilità di effettuare la rivalutazione dei beni di impresa e delle partecipazioni, recuperando base di calcolo per gli ammortamenti, in deroga all’art. 2426 c.c. Infine, vengono portate “a sistema” le disposizioni di cui ai commi 10-bis e 10-ter dell’articolo 15 D.L. n. 185/2008, con riferimento alla possibilità di affrancamento dei maggiori valori impliciti, contenuti nelle partecipazioni di controllo, riferiti ad avviamento, marchi ed altre attività immateriali, per le operazioni effettuate a decorrere dal periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2012.

Leggi dopo

Modalità operative per la richiesta del rimborso IRAP

13 Marzo 2014 | di Luigi Risolo

IRAP

In attesa di eventuali sviluppi futuri connessi alla “delega fiscale” e relativi alla riforma del concetto di “autonoma organizzazione” ai fini della reale debenza dall’IRAP da parte di professionisti, lavoratori autonomi e piccoli imprenditori, la Suprema Corte di Cassazione continua a pronunciarsi a favore di tali contribuenti (commercialisti compresi), attraverso sentenze ed ordinanze, sul diritto al rimborso dell’imposta e sull’applicazione o meno del presupposto impositivo, tenendo conto, sempre più, di vari fattori rilevanti: l’assenza di lavoratori dipendenti; la presenza di collaboratori esterni o del dipendente part-time (con sole funzioni esecutive); i costi per attrezzature ed altri beni mobili; le spese documentate.

Leggi dopo

La rivalutazione dei beni d’impresa

05 Marzo 2014 | di Piercarlo Bausola

Rivalutazione beni d'impresa

La Legge di Stabilità per il 2014 ha reintrodotto la possibilità di effettuare la rivalutazione dei beni di impresa e delle partecipazioni, permettendo alle imprese di far emergere valori maggiormente aderenti a quelli di mercato, recuperando base di calcolo per gli ammortamenti, in deroga all’art. 2426 c.c. La disposizione normativa ha carattere temporaneo e facoltativo ed interessa, sul piano fiscale e civile, i beni materiali e immateriali, diversi da quelli alla cui produzione o al cui scambio è diretta l’attività d’impresa, nonché le partecipazioni ex art. 2359 c.c., ossia quelle in società controllate e collegate.

Leggi dopo

L'Anagrafe delle ONLUS

26 Febbraio 2014 | di Massimo Piscetta, Paolo Alessandro Pesticcio

ONLUS

I requisiti soggettivi ed oggettivi necessari per l’acquisizione della qualifica di ONLUS rappresentano condizioni necessarie, e pur non sufficienti, per il perfezionamento della procedura di acquisizione della stessa. L’art. 11 del cd. Decreto ONLUS (D.Lgs. n. 460/1997), nel delineare gli adempimenti necessari per l’ottenimento della qualifica, prevede l’obbligatorietà di iscrizione all’Anagrafe delle ONLUS. Si tratta di un registro non pubblico, ma di accesso esclusivo all’Agenzia delle Entrate, il quale ha funzioni interne di catalogazione e sistematizzazione ai fini dei controlli e delle verifiche dell’Amministrazione finanziaria e per l’aspirante ONLUS ha una funzione costitutiva del diritto ad usufruire delle agevolazioni previste. Il contributo illustra la procedura di iscrizione all'Anagrafe, chiarendo la natura dei controlli propedeutici all’iscrizione, la posizione degli enti iscritti prima del D.M. 266/03, la questione della giurisdizione dei contenziosi relativi ai provvedimenti di diniego e cancellazione, gli effetti della mancata iscrizione e, da ultimo, la mancanza o il venir meno dei requisiti di legge.

Leggi dopo

Modello CUD 2014: le novità operative

19 Febbraio 2014 | di Luigi Risolo

CUD

La nuova certificazione unica del Sostituto d’Imposta (CUD) per l’anno 2014 è caratterizzata da una serie di novità riguardanti sia la veste grafica delle istruzioni operative (contraddistinte da un indice degli argomenti utile a facilitare l’operato del Sostituto in sede di consultazione) che i contenuti in ordine a diversi punti: sospensione dei versamenti e degli adempimenti tributari per gli alluvionati della Sardegna; eliminazione delle detrazioni comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico; informazioni aggiuntive in materia di previdenza complementare; eliminazione del contributo di perequazione per illegittimità costituzionale; detrazioni per carichi di famiglia; annotazione della seconda o unica rata dell’acconto IRPEF dovuto per il 2013; maggiori detrazioni per le erogazioni liberali a favore di ONLUS ed organizzazioni politiche; detrazioni per le erogazioni liberali al Fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato; destinazione dell’8 per mille per nuovi organismi religiosi.

Leggi dopo

Crediti vantati verso la P.A.: modalità di rilascio del DURC

12 Febbraio 2014 | di Federico Gavioli

DURC

Il DURC, Documento Unico di Regolarità Contributiva, può essere rilasciato anche in presenza di certificazioni dei crediti certi, liquidi ed esigibili, vantati nei confronti delle pubbliche amministrazioni, tramite la cd. “Piattaforma per la Certificazione dei Crediti”. L’INPS, con la Circolare n. 16 del 30 gennaio 2014, fornisce le necessarie indicazioni in riferimento all’applicazione della disciplina a seguito della realizzazione, da parte del MEF all’interno della “Piattaforma per la Certificazione dei Crediti” (PCC), della funzione “Gestione Richieste DURC”, riservata ai soggetti titolari di crediti, e di quella di “Verifica della capienza per l’emissione del DURC”, rivolta agli enti tenuti al rilascio del Documento.

Leggi dopo

Rateazione e dilazione del debito: come pagare il Fisco a rate

07 Febbraio 2014 | di Pierangelo Reale

Rateazione

A seguito del perdurare delle difficoltà economiche e finanziarie presenti nel nostro Paese ed in Europa il Legislatore rimodella la propria struttura preposta alla riscossione. Il “Decreto del Fare” attraverso specifici provvedimenti intende incrementare l’elasticità delle regole di rateazione attraverso una maggiore tolleranza nell’ipotesi di mancato pagamento e, nella concessione di piani rateali maggiormente agevolati fino a 120 rate per quei soggetti in oggettiva difficoltà. Contemporaneamente, il Legislatore in parte assecondando le richieste dei contribuenti, introduce importanti novità in materia di riscossione coattiva e garantita.

Leggi dopo

La comunicazione dati IVA

31 Gennaio 2014 | di Luca Cogliandro

IVA

L’art. 8-bis del D.P.R. n. 322/1998 prescrive per i soggetti passivi IVA l’obbligo di presentare - entro il mese di febbraio di ciascun anno - una “comunicazione” contenente i dati riepilogativi relativi all’Imposta sul Valore Aggiunto delle operazioni effettuate nell’anno solare precedente. Con il Provvedimento 15 gennaio 2014 è stata approvata una nuova versione della comunicazione dati IVA con le relative istruzioni per la compilazione da utilizzare per l'anno d’imposta 2013. Il Provvedimento recepisce, in particolare, le novità su fatturazione e territorialità introdotte dalla Legge n. 228/2012 ed approva le nuove istruzioni di compilazione.

Leggi dopo

Deducibilità degli oneri sostenuti nei confronti di fornitori residenti in Stati Black List

22 Gennaio 2014 | di Alberto Molgora

Black list

Il presente intervento si sofferma sulle condizioni di deducibilità degli oneri sostenuti nei confronti di fornitori residenti in Paesi a fiscalità privilegiata di cui all’art. 110, co. 10 e 11, del TUIR, richiamando le principali prese di posizione in proposito esistenti tanto a livello di prassi dell’Amministrazione finanziaria quanto di giurisprudenza. L’intento è quello di fornire utili spunti operativi per quei contribuenti che, sempre più di frequente, sono chiamati a dimostrare la deducibilità degli oneri di specie al cospetto dell’Ufficio, in sede di verifica, piuttosto che dinnanzi al Giudice tributario.

Leggi dopo

Pagine