Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Volume di affari per permanenza nel regime forfettario

06 Ottobre 2017

Regime forfettario

Una impresa individuale in regime semplificato nell'anno 2016 ha emesso fatture ai fini IVA di valore superiore al limite previsto dalla norma per l'accesso al regime forfettario per il codice di attività cui appartiene. Tuttavia, tali fatture erano di competenza dell'anno precedente, per cui nel quadro RG l'impresa ha indicato ricavi maturati per un importo diverso dal volume d'affari e questa volta inferiore al limite previsto per il regime forfettario. Quale dei due importi va preso in considerazione per stabilire se nel 2017 l'impresa rientri o meno nel regime forfettario?

Leggi dopo

Natura dei redditi da STP

05 Ottobre 2017

Società tra professionisti

Il reddito derivante da una Società tra Professionisti (STP) è considerato reddito di lavoro autonomo, con conseguente assoggettamento a ritenuta d'acconto, o reddito di impresa?

Leggi dopo

Sanzioni per modello INTRASTAT incompleto

04 Ottobre 2017

Elenchi INTRASTAT

Ai fini della corretta comprensione della disciplina sanzionatoria in materia di INTRASTAT, qual è la differenza tra modello omesso e modello incompleto/inesatto? Un modello regolarmente presentato, nel quale però sono state omesse tutte le operazioni con un cliente/fornitore, deve considerarsi omesso?

Leggi dopo

IVA al 10% per unità da adibire ad ufficio

03 Ottobre 2017

IVA in edilizia

Un soggetto privato intende acquistare un fabbricato, attualmente ancora in costruzione (F3) e da adibire ad abitazione principale. Nel corpo del fabbricato è presente, oltre all'abitazione ed alla relativa pertinenza, anche una unità che verrà accatastata come ufficio. Si domanda quale sia l'aliquota IVA applicabile e, in particolare, se per l'ufficio si potrebbe considerare applicabile l'aliquota del 10% ai sensi della Legge Tupini.

Leggi dopo

Prefattura per prestazioni non pagate

02 Ottobre 2017

Fattura

Una ditta di trasporti effettua delle consegne per conto di alcuni vettori. A fine mese dovrebbe ricevere un rendiconto ed emettere fattura con IVA. In realtà, da diversi mesi, non effettua più la fatturazione poiché il vettore che gli ha commissionato i trasporti non paga. La società è obbligata comunque ad emettere fattura alla fine del mese o, diversamente, emette una prefattura e successivamente emette fattura al momento dell'incasso contabilizzando alla fine dell'anno il ricavo per competenza?

Leggi dopo

Redditi di capitale percepiti in Austria

29 Settembre 2017

Crediti d'imposta e imposte pagate all'estero

Un privato italiano ha azioni di una società austriaca che nel 2016 ha distribuito dividendi. La stessa ha applicato una ritenuta austriaca del 15%, conformemente all'art. 10, comma 2, della Convenzione contro le doppie imposizioni Italia - Austria. Tale reddito deve essere dichiarato in Italia dal contribuente italiano considerando la ritenuta del 15% come credito d'imposta oppure la ritenuta austriaca esaurisce gli adempimenti fiscali in capo al contribuente che quindi nulla deve dichiarare in Italia? Va compilato il quadro RW?

Leggi dopo

Inserimento bonifici nello Spesometro 2017

28 Settembre 2017

Spesometro

Visto le molteplici variazioni della comunicazione dati fatture dello Spesometro 2017 rispetto al precedente Spesometro, le provvigioni erogate dalla società di assicurazioni e incassate da un agenzia di assicurazioni, per cui non esistono fatture ma semplici bonifici, sono da inserire nella comunicazione dati fattura ?

Leggi dopo

Beneficio prima casa e permanenza della residenza

27 Settembre 2017

Prima casa

Per beneficiare delle agevolazioni in materia, come noto, occorre fissare la residenza entro 18 mesi dall'acquisto della prima casa. Per quanto tempo occorre mantenere detta residenza per non perdere l'agevolazione in parola?

Leggi dopo

Agente di commercio e provvigioni da società estere

26 Settembre 2017

Provvigioni

Un agente di commercio svolge la propria attività per diverse case mandanti italiane in Croazia e Serbia. Emette, quindi, fatture alle sue case mandanti italiane, per le sue provvigioni, con IVA al 22% per le vendite procurate in territorio UE e non soggette ad IVA ex art. 9, D.P.R. n. 633/72, per le provvigioni maturate a seguito di contratti conclusi in territorio extra UE. È corretto tale modus procedendi?

Leggi dopo

Sanzioni applicabili in caso di dichiarazione infedele

25 Settembre 2017

Dichiarazione infedele

Partendo da una ipotesi di infedele dichiarazione per redditi diversi non dichiarati dalla quale risultata un credito IRPEF, dalla successiva dichiarazione integrativa risulta un credito minore rispetto alla dichiarazione originale, credito che comunque è capiente per compensare le maggiori imposte. In questo caso quali sanzioni vengono applicate?

Leggi dopo

Pagine