Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Erronea dichiarazione dell'esportatore abituale

22 Settembre 2017

Esportatore abituale

Un esportatore abituale ha inviato una dichiarazione di intento ad un fornitore per un importo totale pari ad 80.000,00€, mentre il fornitore ha fatturato in esenzione di IVA un importo eccedente la somma indicata nella dichiarazione di intento pari a 17.000,00€ (luglio 2017). Volendo regolarizzare la situazione ed essendo l'imprenditore esportatore abituale disponibile ad accollarsi l'onere ed i costi per la regolarizzazione, come è opportuno procedere?

Leggi dopo

Nota di variazione IVA per soggetto estinto

21 Settembre 2017

IVA

Rispetto alla possibilità di emettere nota di credito ex , D.P.R. n. 633/72, per intervenuta risoluzione contrattuale, in conformità a clausole presenti sin dalla stipula, qualora il cliente sia, nel frattempo, stato cancellato dal Registro delle Imprese, si registrano in dottrina pareri discordanti: alcuni sostengono che non sia possibile perché verrebbe meno il principio di neutralità dell'imposta, mentre altri sembrano più possibilisti, assimilando la casistica a quella delle note di credito per procedure concorsuali chiuse. Qualora fosse possibile, si ritiene si debba "fare i conti" con il nuovo art. 19, D.P.R. n. 633/72, che al primo co. recita: "Il diritto alla detrazione dell'imposta relativa ai beni e servizi acquistati o importati sorge nel momento in cui l'imposta diviene esigibile ed è esercitato al più tardi con la dichiarazione relativa all'anno in cui il diritto alla detrazione è sorto ed alle condizioni esistenti al momento della nascita del diritto medesimo". Quando, in questo caso, verrebbe identificato il "sorgere" del diritto alla detrazione: dal momento in cui l'emittente fattura ha ritenuto di attivare la clausola risolutiva o da quello, antecedente, in cui il cliente si è cancellato dal Registro delle Imprese?

Leggi dopo

Provvigione per collaborazione occasionale

20 Settembre 2017

Ritenuta ridotta sulle provvigioni

Un soggetto, iscritto all'ISVAP ma senza Partita IVA, ha ricevuto una provvigione per una collaborazione occasionale. Si chiede se nella dichiarazione deve applicare la ritenuta d'acconto del 20% o del 23% sul 50%?

Leggi dopo

Annotazione tardiva delle rimanenze

19 Settembre 2017

Conservazione digitale sostitutiva

A causa di una dimenticanza nella stampa definitiva del libri IVA (conservazione digitale) fatta entro il 28 febbraio scorso di una contabilità semplificata, non sono state annotate le rimanenze finali. È possibile annotarle nei libri 2017 con riferimento all'anno precedente?

Leggi dopo

SRL agricola e determinazione del reddito

18 Settembre 2017

Impresa agricola

Una srl agricola, amministrata da un imprenditore agricolo IAP regolarmente iscritto alla contribuzione INPS agricola, può ancora determinare il reddito (che rimane di impresa) ai fini IRES con le modalità catastali (reddito agrario dei terreni che conduce in fitto)?

Leggi dopo

Consulenza legale a società albanese

15 Settembre 2017

Fattura

Come va fatturata una consulenza legale prestata da un professionista italiano ad una società albanese?

Leggi dopo

Assegnazione di immobili strumentali e società di persone

14 Settembre 2017

Società di persone

Una società di persone vorrebbe assegnare in modo agevolato due immobili non strumentali ai soci ma le riserve in bilancio sono insufficienti a tale scopo. L'assegnazione nel caso prospettato è possibile?

Leggi dopo

Regime del margine nel commercio elettronico di ricambi usati

13 Settembre 2017

IVA regime del margine

Una ditta effettua commercio elettronico di ricambi usati ai fini IVA determina l'imposta scorporando l'aliquota (22%) dal 50% del prezzo di vendita. Posto che il soggetto, in virtù del regime forfettario applicato, non è tenuto alla registrazione delle fatture d'acquisto essendo sufficiente la loro numerazione e conservazione, in che modo determina il reddito da assoggettare a IRPEF e IRAP? È corretto considerare reddito da assoggettare a IIRR il margine calcolato ai fini IVA senza dedurre alcun costo di acquisto e spese accessorie?

Leggi dopo

Installazione di software su impianto domotico

12 Settembre 2017

Reverse charge

Un elettricista installa software su impianto domotico. La prestazione del suddetto servizio deve essere fatturata ad un altro elettricista che effettua l'installazione dell'impianto domotico su un immobile. La fattura deve essere emessa in reverse charge o è da assoggettare ad IVA?

Leggi dopo

Eccedenza reddito del 4%

08 Settembre 2017

Regime forfettario

Il dubbio riguarda un dottore commercialista in regime forfettario socio di una Società cooperativa tra professionisti STP. Nella comunicazione dei dati reddituali alla cassa di previdenza, il volume di affari da comunicare, nel caso di svolgimento dell'attività professionale in tutto o in parte in studio associato e/o mediante società tra professionisti (STP), deve comprendere anche la quota (al netto del 4%) prodotta dall'associazione/società di pertinenza dell'associato/socio in base alla percentuale di partecipazione agli utili. Il contributo integrativo non sarebbe imponibile ai fini IRPEF, tant'è che non va indicato nella Certificazione Unica in quanto non fa parte del compenso. L'eccedenza contributiva integrativa versata dal professionista riferita al volume d'affari della STP, per la quale il professionista esercita il diritto di rivalsa nei confronti della medesima STP, costituisce reddito in capo al professionista o è solo una componente finanziaria da riaddebitare alla STP?

Leggi dopo

Pagine