Focus

I pensionati italiani migranti: fenomeno in piena evoluzione

06 Luglio 2018 |

Art. 3., D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917

Pensioni

Sommario

Premessa | La residenza fiscale all’estero | Malta, Portogallo e Tunisia: i primi tre punti di approdo dei pensionati italiani | In conclusione |

 

L’idea di trasferire la propria residenza all’estero sfruttando, in particolare, una tassazione più favorevole, è sicuramente possibile, ma richiede una severa attenzione alle procedure da osservare ed agli adempimenti da compiere. Le cautele da adottare trovano il loro fondamento giuridico nell’art. 3 del D.P.R. n. 917/86, il quale stabilisce tutte le regole per la tassazione dei soggetti residenti e non residenti in Italia. Coloro che hanno eletto la residenza fiscale nel nostro territorio sono tenuti a dichiarare in Italia tutti i loro redditi, ovunque prodotti, in ossequio alla cosiddetta “worldwide taxation”, mentre quelli non residenti fiscalmente sono obbligati a dichiarare alle nostre autorità fiscali solo i redditi ivi prodotti salvo quanto indicato nelle convenzioni bilaterali stipulate dall’Italia con i Paesi esteri.

Leggi dopo