News

Accordo tra direzione nazionale antimafia e commercialisti per la lotta alla criminalità

 

Potenziare l’azione di contrasto alla criminalità organizzata di tipo economico, valorizzando il ruolo degli amministratori giudiziari nelle fasi di gestione dei beni sequestrati e confiscati. Questo il punto focale del protocollo d’intesa sottoscritto ieri, 10 luglio 2018, tra il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero De Raho, e il presidente CNDCEC, Massimo Miani.
 
 
Queste le principali direttrici d'intervento volte a rendere più efficace ed efficiente la lotta alla criminalità:
  • Progetto Patrimonium: il CNDCEC si impegna ad elaborare un data base-gestionale che partendo dall'architettura del sistema SIT-MP del Ministero della Giustizia, consenta di realizzare la interoperabilità tra gli amministratori giudiziari.
  • Trasparenza e rotazione degli incarichi dei custodi e amministratori giudiziari: in attesa del decreto attuativo di cui all'art. 35, comma 2° del Codice Antimafia, le si impegnano ad individuare linee guida per garantire trasparenza e rotazione degli incarichi degli amministratori giudiziari
  • Progetto “ONINA” – Osservatorio Nazionale Interprofessionale sulla Normativa Antimafia: il protocollo prevede la costituzione di un Osservatorio Nazionale Interprofessionale sulla Normativa Antimafia (ONINA) nel quale coinvolgere le Professioni (commercialisti, avvocati, consulenti del lavoro, notai), l’Autorità Giudiziaria, il Consiglio Superiore della Magistratura, il Ministero della Giustizia, e l’Autorità nazionale anticorruzione. Obiettivo è un monitoraggio permanente dell’andamento normativo e giurisprudenziale della normativa antimafia e delle sue prassi applicative.
Leggi dopo

Le Bussole correlate >