News

Atti giudiziari, versamenti con F24

Versamento tramite F24 per imposte, interessi, sanzioni e accessori richiesti dagli uffici dell’Agenzia delle Entrate in sede di registrazione degli atti giudiziari. La novità è prevista dal Provvedimento n. 143035/2018 firmato ieri dal Direttore dell’Agenzia delle Entrate e sarà operativa a decorrere dagli atti giudiziari emessi dal 23 luglio in avanti. Per gli atti emessi fino al 22 luglio 2018 si continuerà ad utilizzare, invece, l’F23.

 

“In un’ottica di razionalizzazione delle modalità di pagamento, - si legge nel Provvedimento - il modello F24 garantisce una maggiore efficienza nella gestione del sistema e rappresenta un ulteriore progresso verso la semplificazione degli adempimenti fiscali dei contribuenti che già utilizzano il modello F24 per il pagamento di numerosi tributi. Pertanto, con il presente Provvedimento l’utilizzo del modello F24 viene esteso alle somme dovute in relazione alla registrazione degli atti dell’autorità giudiziaria richieste dall’Agenzia delle Entrate. Attesa l’esigenza dei contribuenti e degli operatori di adeguarsi alle nuove modalità di pagamento, la decorrenza del passaggio al modello F24 è stabilita per il versamento delle imposte liquidate relative agli atti dell’autorità giudiziaria emessi dal 23 luglio 2018. Per quelli emessi prima di tale data, i versamenti delle relative imposte saranno effettuati con il modello di versamento F23. Fino al 31 dicembre 2018, sono comunque considerati validi i versamenti effettuati sia con modello F23, sia con modello F24”.

 

Come indicato dalla nuova prassi, i versamenti richiesti a seguito di atti emessi dagli uffici dell’Agenzia delle Entrate vanno effettuati esclusivamente con il tipo di modello di pagamento allegato o indicato nell’atto stesso. 

Leggi dopo

Le Bussole correlate >