Bussola

Immobilizzazioni immateriali

Sommario

Nozione | Aspetti civilistici | Aspetti fiscali | Aspetti contabili | La contabilizzazione delle immobilizzazioni immateriali | Riferimenti |

 

Le immobilizzazioni rappresentano i fattori della produzione durevoli, così definiti perché vengono impiegati dall’azienda per diversi cicli di produzione. In genere vengono impiegati per un periodo che comprende almeno due esercizi. Le immobilizzazioni si suddividono in: immobilizzazioni immateriali; immobilizzazioni materiali; immobilizzazioni finanziarie. Le immobilizzazioni immateriali sono costituite da fattori durevoli che non hanno il requisito della tangibilità. All’interno delle immobilizzazioni immateriali possono essere distinte le immobilizzazioni immateriali in senso stretto e i costi pluriennali. In senso stretto le immobilizzazioni immateriali sono i beni intangibili utilizzati dall’azienda e che hanno un loro valore commerciale(ad esempio i marchi, i brevetti, le licenze, i software, l’avviamento ecc.); sono compresi tra i costi pluriennali quei costi di cui si ha necessità di ripartizione tra più esercizi  ma che non possiedono il requisito della commerciabilità (ad esempio, i costi di pubblicità, i costi di impianto, i costi per studi e ricerche ecc.).   Le immobilizzazioni materiali sono costituite dai fattori della produzione a fecondità ripetuta che possiedono il requisito della tangibilità; sono costituite dalle immobilizzazioni materiali tecniche necessa...

Leggi dopo