Rassegna stampa

Iva e Tariffa rifiuti, Governo al lavoro

05 Ottobre 2012

Il Sole 24 ore Primo piano, Maurizio Caprino, pag. 15

Al Ministero dell'Economia stanno studiando se esiste una via di uscita praticabile dal caos dell'Iva che lo Stato pretende sulla Tia, la tariffa ambientale che in molti Comuni ha sostituito la tassa rifiuti Tarsu. Un caos determinato dal fatto che mentre numerose sentenze di Consulta, di Cassazione, e anche di tanti giudici di pace hanno ordinato la restituzione dell'Iva ai cittadini che hanno presentato ricorso, l’Iva sulla tassa continua ad essere applicata e quindi pretesa dallo Stato. L'esito di queste cause potrebbe essere l'avvisaglia di una situazione che potrebbe allargarsi, creando un problema di gettito oltre che di confusione legata alla gestione di ricorsi e rimborsi. Probabilmente è per questo e per le proteste riemerse in questi giorni che al ministero è allo studio una possibile soluzione.

Equitalia messa sotto controllo

05 Ottobre 2012

Italia Oggi,Cristina Bartelli e Andrea Bongi, pag. 25

Nel decreto legge sugli enti locali esaminato ieri dal consiglio dei ministri è stata inserita una norma che crea un comitato di indirizzo e verifica della attività di riscossione di Equitalia. Il gruppo viene, dunque, commissariato, e ciò al fine di raggiungere la massima trasparenza ed economicità nell'attività di riscossione coattiva. Le modalità di funzionamento e i compiti del comitato, che sarà presieduto da un magistrato della Corte dei conti e composto da 6 membri, verranno stabiliti con decreto del ministro dell'Economia e delle finanze. Il decreto disciplina anche la ripresa degli adempimenti fiscali in Emilia: niente sanzioni né interessi sui versamenti sospesi o non effettuati e possibilità per le imprese di reperire le risorse con finanziamenti agevolati a garanzia statale.

Per le start up detrazioni Irpef e Ires

05 Ottobre 2012

Il Sole 24 ore Primo piano, Marzio Bartoloni, pag. 6

Ci sarà uno sconto fiscale triennale del 19% della somma investita, inoltre è subito disponibile una dote di 210 milioni. Mentre per quanto riguarda le coperture, i fondi necessari per le agevolazioni fiscali saranno coperti con parte del gettito delle tariffe elettriche e del gas naturale. Tra le altre agevolazione: spese d'avvio quasi a costo zero e burocrazia all'osso, assunzioni a tempo determinato flessibili, oltre alle detrazioni fiscali su Irpef o Ires per chi investe nel capitale sociale, e ancora regole meno punitive sui fallimenti. Verrà inoltre data la possibilità di dare la caccia ai capitali di rischio ricorrendo anche a strumenti nuovissimi come il crowdfunding con «offerte al pubblico» attraverso portali.

Dichiarazione Imu al 30 novembre

05 Ottobre 2012

Il Sole 24 ore Norme e Tributi, Saverio Fossati e Gianni Trovati, pag. 23

Nel ballottaggio sulla dichiarazione per l'imposta municipale sugli immobili alla fine vince la proroga lunga al 30 novembre, per cui non ci sarà nessun "Imu-day". La proroga è contenuta nelle bozze, circolate ieri, del "decreto enti locali", approvato dal Consiglio dei ministri. La scadenza era stata fissata al 30 settembre dal Dl 16/2012 la primavera scorsa ma, nonostante i tempi comodi, i modelli definitivi con le istruzioni per la dichiarazione non hanno tagliato il traguardo in tempo. Il decreto enti locali offre due mesi di tempo in più, anche se istruzioni e modelli dovranno essere definiti con buon anticipo. Gli autori evidenziano ancora che in tema di Imu, il decreto si preoccupa di confermare la possibilità per i Comuni di rivedere aliquote e regolamenti fino al 31 ottobre. Viene infine spostato al 30 novembre il termine per l'approvazione del riequilibrio di bilancio.

Anche il consumatore può fallire

05 Ottobre 2012

Italia Oggi Diritto & Fisco, Antonio Ciccia, pag. 21

Il decreto legge sulla crescita, approvato ieri in Consiglio dei ministri, da un lato manda in soffitta le comunicazioni cartacee e velocizza i rapporti tra cancellerie, curatori e creditori; dall'altro lato introduce una procedura ad hoc per risolvere la situazione di sovraindebitamento del consumatore meritevole, con conseguente esdebitazione. Più nel dettaglio vediamo che diventa telematica la notifica del ricorso per la dichiarazione di fallimento. Il curatore è obbligato ad effettuare le comunicazioni ai creditori per via telematica, così come la domanda di insinuazione al passivo, da inoltrare direttamente al curatore. Anche per il progetto di riparto si prevede che l'invio a tutti i creditori avvenga a mezzo Pec. Il decreto crescita bis integra e corregge la Legge 3/2012 in materia di composizione della crisi da sovraindebitamento. Con le modifiche, in particolare, si individua un procedimento specificamente destinato al consumatore, ma solo se meritevole.

Fisco e rifiuti, si muovono le Procure

04 Ottobre 2012

Il Sole 24 ore Primo piano, Il Sole 24 Ore, pag. 1

Le Procure scendono in campo sulla vicenda dell'Iva illegittima applicata alla tassa rifiuti. Nelle ultime settimane un fascicolo d'inchiesta è stato aperto dalla Procura di Rimini, a metà settembre un'associazione locale ha presentato un esposto sullo stesso tema alla Procura di Torino e altri sono in arrivo in diverse città. E questo mentre non si aprono spiragli alla restituzione sul fronte governativo. Inoltre, dal 1° gennaio 2013 dovrebbe entrare in vigore il nuovo tributo comunale sui rifiuti, la Tares: e qui il rischio è che si arrivi addirittura a dover fare i conti con una doppia bolletta.

Pagine