Focus

Focus

Gli ultimi chiarimenti per i contribuenti semplificati per cassa

12 Giugno 2018 | di Sandro Cerato

L. 11 dicembre 2016, n. 232

Contabilità semplificata

In occasione di un Videoforum organizzato dalla stampa specializzata, l’Agenzia delle Entrate ha fornito nuovi ed interessanti chiarimenti in merito ai contribuenti in regime di contabilità semplificata che, a partire dal periodo d’imposta 2017, devono adottare il metodo di cassa per la determinazione del reddito (art. 66 del TUIR come modificato dall’art. 1, co. 17-23, della Legge n. 232/2016). In particolare, i pareri hanno riguardato la questione delle rimanenze finali: in un regime improntato alla cassa, non assumono rilievo nella determinazione del reddito dei periodi d’imposta in cui si adotta la contabilità semplificata. Tuttavia, il magazzino rileva quale elemento extrareddituale da indicare nel quadro RG e deve altresì essere evidenziato nel quadro F del modello degli studi di settore. Altri chiarimenti sono stati poi forniti in relazione all’impatto delle rimanenze in occasione del rientro (per obbligo o per opzione) in contabilità ordinaria.

Leggi dopo

Ecobonus e cessione del credito: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

06 Giugno 2018 | di Paola Aglietta

Detrazioni per risparmio energetico

Il credito corrispondente alla detrazione sulle spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica effettuati su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari, può essere ceduto da tutti i soggetti teoricamente beneficiari della detrazione. L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 11/E/2018, ha fornito due importanti chiarimenti: ha specificato quali sono i soggetti ai quali può essere ceduto il credito, ampliando la platea; ha precisato che è ammessa una sola eventuale cessione successiva a quella originaria.

Leggi dopo

La nuova disciplina fiscale dei redditi finanziari percepiti da persone fisiche in relazione a partecipazioni qualificate

01 Giugno 2018 | di Federico Gavioli

Legge di Bilancio 2018

Assonime, con una propria analisi veicolata in una circolare, illustra le novità introdotte con la legge di Bilancio 2018 relativamente alla disciplina fiscale dei redditi di natura finanziaria che derivano da partecipazioni qualificate conseguite da persone fisiche. La norma prevede l’applicazione dell’imposta sostitutiva al 26% ai redditi derivanti da partecipazioni qualificate, nonché agli utili, ai proventi e alle plusvalenze derivanti da strumenti equiparabili alle partecipazioni societarie e, in particolare, ai titoli e agli strumenti finanziari assimilati alle azioni.

Leggi dopo

Bitcoin e altre monete virtuali: quale l'inquadramento fiscale?

28 Maggio 2018 | di Saverio Cinieri

Bitcoin

Con la diffusione delle monete virtuali si moltiplicano i dubbi sul loro esatto inquadramento a livello fiscale. A peggiorare la situazione di incertezza che si è venuta a creare contribuisce anche la mancanza di prese di posizioni ufficiali da parte dell’Amministrazione finanziaria. L’Agenzia delle Entrate, infatti, ha avuto occasione di pronunciarsi in alcune occasioni, ma ciò non è stato sufficiente a dipanare gli aspetti più controversi della materia. Tra le questioni più spinose si annoverano la corretta tassazione della plusvalenza e l’obbligo, o meno, della compilazione del Quadro RW. Con l’avvicinarsi dell’appuntamento con la dichiarazione dei redditi, alla luce dell’attuale quadro interpretativo, proviamo a fare il punto della situazione.

Leggi dopo

Cessione del diritto di superficie, i nuovi chiarimenti dell’Agenzia

25 Maggio 2018 | di Sandro Cerato

Superficie

Con due recenti documenti di prassi, l’Amministrazione fiscale ha fornito interessanti chiarimenti in relazione agli effetti fiscali derivanti dalla cessione del diritto di superficie. In particolare, con la Circolare 20 aprile 2018, n. 6/E, ha affrontato la fattispecie in cui la cessione del diritto avvenga da parte di un privato, mentre nella Risoluzione 15 maggio 2018, n. 37/E è stata analizzata l’ipotesi di cessione da parte di un soggetto IRES. Il punto sulle conclusioni cui l’Agenzia è pervenuta nelle due distinte ipotesi.

Leggi dopo

Considerazioni a margine del trasferimento di residenza all’estero di sportivi professionisti

22 Maggio 2018 | di Elio Andrea Palmitessa

Domicilio fiscale

Il tema relativo al trasferimento all’estero della residenza fiscale delle persone fisiche rappresenta uno degli argomenti dai profili di criticità più elevati nel panorama del diritto tributario nazionale ed internazionale. Questo fenomeno risulta particolarmente acuito nel caso di atleti professionisti, tenuti ad oneri probatori rilevanti in considerazione dell’estrema mobilità dell’attività svolta e degli elevati interessi economici derivanti (diritti di immagine e sponsorizzazioni), i quali, in qualche modo, potrebbero anche influenzare l’individuazione del centro vitale degli interessi.

Leggi dopo

Insediamento all'estero per le persone giuridiche. La creazione "reale" di una stabile organizzazione

18 Maggio 2018 | di Eugenio Condoleo

Stabile organizzazione

Recessione economica ed elusione fiscale internazionale spingono sempre più gli organismi governativi mondiali ad un impegno con il preciso obiettivo di rendere “collaborative” le giurisdizioni fiscali e societarie internazionali attraverso quelle che si definiscono “pianificazioni aggressive”, adottate da diversi gruppi multinazionali. Molti Stati hanno varato quindi una serie di norme tese a combattere l’elusione, l’evasione fiscale e l’abuso di diritto, tra cui la normativa sulle Controlled Foreign Companies (CFC) che regola l’abuso nell’utilizzo dei paradisi fiscali ed il transfer pricing.

Leggi dopo

Esercizio dell’attività forense in forma societaria: il reddito prodotto è d’impresa

14 Maggio 2018 | di Federico Gavioli

Società tra professionisti

L’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti in merito alla natura del reddito prodotto dalle società tra avvocati; i tecnici delle Entrate, in particolare, precisano, che in assenza di una esplicita norma, l'esercizio della professione forense svolta in forma societaria costituisce attività d'impresa, in quanto risulta determinante il fatto di operare in una veste giuridica societaria piuttosto che lo svolgimento di un'attività professionale. Di conseguenza, sul piano fiscale tali società producono reddito d'impresa.

Leggi dopo

Assunzioni agevolate: i nuovi incentivi per l'occupazione giovanile

11 Maggio 2018 | di Daniele Bonaddio

Assunzioni agevolate

Con le Circolari n. 48 e 49 l'INPS ha fornito le istruzioni operative per poter fruire dell'Incentivo Occupazione Mezzogiorno e dell'Incentivo Occupazione NEET, messi a disposizione delle aziende che vogliano ridurre i costi del lavoro. Il presente lavoro offre dunque un approfondimento per l'individuazione della soluzione più consona alle diverse esigenze aziendali, mettendo a confronto le numerose agevolazioni contributive da adottare come strumento più consono.

Leggi dopo

Vendita di caffè: i ricavi possono essere quantificati con un criterio meramente empirico

10 Maggio 2018 | di Isabella Buscema

IRPEF

Il Fisco, basandosi su indizi o presunzioni gravi, precisi e concordanti, procede con la ricostruzione del reddito e la relativa notifica della nuova pretesa fiscale. Affinché venga reperita una prova presuntiva, è sufficiente anche un unico fatto noto, quando i suoi aspetti siano chiaramente ed univocamente concordanti sul verificarsi del fatto ignoto. Così ha statuito la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 10207/18 depositata il 27 aprile, accogliendo il ricorso del Fisco che aveva accertato i ricavi di un bar mediante il consumo di caffè.

Leggi dopo

Pagine